WHATSAPP: 349 88 18 870

Lavori Castello di LombardiaIndagati tecnici e funzionari

Lavori Castello di Lombardia Indagati tecnici e funzionari

Sei persone iscritte nel registro degli indagati tra cui il soprintendente Salvatore Gueli. Sono accusate di false attestazioni circa l'urgenza degli interventi sul costone del maniero

Lavori Castello di Lombardia Indagati tecnici e funzionari

 ENNA - Il sostituto procuratore di Enna Augusto Rio ha iscritto 6 persone nel registro degli indagati, tra funzionari e tecnici, per i lavori avviati e poi sospesi intorno al Castello di Lombardia, che si trova tuttora sotto sequestro. Si tratta di Egidio Marchese, ingegnere e capo del Genio Civile; Salvatore Gueli, soprintendente ai Beni culturali di Enna; Enzo Di Gregorio Gulizia e Gaetano Di Maria funzionari del Genio Civile, nonché responsabili del procedimento amministrativo per i lavori del Castello; Guido Mameli in qualità di Direttore della sezione beni architettonici; Paolo Puleo, ingegnere e dirigente dell'Ufficio Tecnico Comunale.

 

Sono accusati a vario titolo di avere attestato falsamente che i lavori sul costone del Castello avessero "caratteri di somma urgenza" per il distacco di detriti avvenuto otto mesi prima e di non avere impedito lo scavo con mezzi meccanici della base rocciosa. A denunciare quanto fossero inappropriati quei lavori di stabilizzazione ai piedi del Castello erano state le associazioni ambientalistiche, tra le quali Sicilia Antica, e il Movimento 5 Stelle. In un esposto avevano rappresentato che quel tipo di intervento stava cagionando un danno irreparabile all'area tutelata e soggetta ad un vincolo archeologico ed ambientale.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa