WHATSAPP: 349 88 18 870

Attiravano clienti in piazza Arrestato il "protettore"

Attiravano clienti in piazza. Arrestato "protettore"

A Catania un romeno controllava due donne, sue connazionali,  a distanza. Sedute su una panchina cercavano di contattare uomini con i quali poi si allontanavano

Attiravano clienti in piazza. Arrestato "protettore"

Catania - Agenti dell’Ufficio di polizia giudiziaria della polizia municipale ieri  mattina, in piazza Stesicoro, hanno arrestato in flagranza un romeno, Bustei  Petre (nella foto), per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

 

 Nel mese di gennaio il personale della Squadra antiborseggio aveva scoperto  che in piazza Stesicoro due donne di nazionalità straniera si prostituivano  e che vi era un uomo, anch’egli straniero, che le controllava a distanza  e le procurava colazioni, bevande, spesa alimentare, sigarette, capi d’abbigliamento.  Le due donne stavano su una panchina, mentre l’uomo si teneva a qualche metro di distanza. Nell’ultima settimana l’attività veniva esercitata solo  da una delle donne, quella che pare abbia anche una relazione con il suo “protettore”. 

 

Ieri i vigili notavano che la donna, recatasi dinanzi alla chiesa di San Biagio, saliva su un’auto condotta da un anziano con il quale si recava nella propria abitazione, nel quartiere S. Cristoforo. Quindi, tornata in piazza Stesicoro, consegnava all’uomo del denaro. La cosa veniva osservata dagli agenti, che procedevano all’arresto del romeno, il quale ingeriva i soldi (due banconote da 20 euro) nell’estremo tentativo di nasconderli. La prostituta confermava che l’attività di meretricio era agevolata dal compagno e che a questi aveva consegnato il denaro provento dell’ultima prestazione sessuale.                                                  

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa