WHATSAPP: 349 88 18 870

Clan corrompeva magistratiParla pentito D'Amico

Clan corrompeva magistrati Parla pentito D'Amico

Le rivelazioni nel corso di un processo per un omicidio del 2006. Tra i giudici pagati dalla mafia per aggiustare processi ci sarebbe anche un togato di Cassazione

Clan corrompeva magistrati Parla pentito D'Amico

 PALERMO  - La mafia di Barcellona Pozzo di Gotto (Me) avrebbe pagato due magistrati per aggiustare processi e sarebbe arrivata a corrompere anche un giudice di Cassazione. 

 

Lo ha rivelato il pentito Carmelo D'Amico, deponendo in un processo per un omicidio del 2006. Lo riporta La Gazzetta del Sud. I verbali con le dichiarazioni del collaboratore di giustizia sono stati inviati alla Procura di Reggio Calabria competente a indagare su reati commessi dai magistrati messinesi .«La nostra organizzazione ha aggiustato diversi processi - ha detto D'Amico - Abbiamo corrotto qualche pubblico ministero e qualche procuratore generale».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa