home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Palazzo dei congressi

Palacongressi, finora soltanto parole

Al momento dal Parco nessuno vuole sbilanciarsi

Palacongressi, finora soltanto parole

La gazzetta ufficiale c'è. Le conferenze stampa di annuncio e autocelebrazione ci sono state. Le dichiarazioni più o meno riscontrate e riscontrabili anche.

Eppure, per il Palacongressi di Agrigento, non si è ancora mossa praticamente foglia. Sì perché se la Regione Siciliana ha pubblicato la legge finanziaria pochi giorni prima di Pasqua, compreso  l'articolo 10 che prevede, appunto, l'affidamento della struttura, chiusa da  anni, al Parco archeologico della Valle dei Templi, questo pare non sia coinciso esattamente con un fiorire dell'attività amministrativa. Forse complici le imminenti festività, infatti, in primis gli uffici Regionali non hanno attivato quanto di propria competenza per comunicare al Comune, che attualmente è l'affidatario della struttura, che a sua volta deve cedere la struttura al Parco. Gli stessi uffici comunali, al momento, devono capirci qualcosa in più per poter fare passi avanti da un punto di vista burocratico.

La speranza, manifestata qualche giorno fa, era che a partire da oggi, finite le feste e archiviate grigliate e uova di cioccolato, tutto potesse rimettersi pienamente in funzione consentendo in primis un sopralluogo ai tecnici dell'ente archeologico perché quantifichi i danni, valuti i costi e inizi a progettare il recupero della struttura. A disposizione, in atto, ci sarebbero di certo il 10% dello sbigliettamento dell'accesso alla Valle dei Templi (come previsto proprio dall'articolo 10), questi ammontano a circa 450, 500mila euro e una delle ultime stime azzardate dal Genio civile parlava di oltre un milione e duecentomila euro.

Al momento dal Parco nessuno vuole sbilanciarsi, né in un senso né nell'altro, e si rimane solamente in attesa che la “macchina” si metta in moto.

Del resto da Palermo nessuno pare abbia risposto alla richiesta – concretissima – di aumento del personale per consentire la gestione di un immobile di questo tipo. Problema non di poco conto, dato che, per esempio, oggi il Parco non è nemmeno nelle condizioni di tenere aperto il quartiere ellenistico romano, limitandosi a garantire le visite su richiesta. E se questi tutti i problemi di tipo “materiale” da affrontare, ci sono anche quelli connessi al futuro del Palacongressi: che farne? Quale il progetto di sviluppo e messa in “rete” rispetto al patrimonio della Valle dei Templi? Per tutte queste domande, però, c'è tempo: del resto, un anno in più, un anno in meno.

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa