WHATSAPP: 349 88 18 870

Aveva minacciato di dar fuoco a frate e chiesa. Arrestato

Aveva minacciato di dar fuoco a frate e chiesa. Arrestato

Rosario Cilona 45 anni, disoccupato, dalla scorsa estate chiedeva aiuti economici sempre più cospicui. Poi le minacce e il tentativo incendiario. I carabinieri evitarono il peggio

Aveva minacciato di dar fuoco a frate e chiesa. Arrestato

Palermo -  I carabinieri hanno arrestato Rosario Cilona, 45 anni, per estorsione e minacce ad un frate di una chiesa nel centro di Palermo. Lo scorso novembre l'uomo si era presentato al sacerdote chiedendo un aiuto economico perché non aveva lavoro e soldi. Il frate ha iniziato a dare piccole somme di denaro, come con tante famiglie in difficoltà. Ma le richieste erano diventate sempre più pressanti e minacciose. A dicembre Cilona si è presentato con una lametta che ha puntato al collo del religioso e poco prima della messa serale ha portato via l'anello in oro con la croce che l'uomo indossava.

 

Da quel momento la vita per il frate è diventata un incubo. Cilona ha gettato benzina nel cancello della chiesa per dargli fuoco. Con un masso gli ha danneggiato l'auto e il citofono della sacrestia. L'uomo accusato di estorsione si trova rinchiuso al carcere dei Pagliarelli.

 

 «Tutto è iniziato a luglio dello scorso anno...». Inizia così il racconto dei frati della chiesa di San Francesco di Paola, a Palermo. L'estorsore arrestato, Rosario Cilona, la scorsa estate si è presentato in chiesa e "durante la messa - raccontano i religiosi - si è avvicinato all'altare. Aveva in mano un pezzo di vetro con il quale minacciava di tagliarsi le vene. Per quanti assistevano alla funzione è stato terribile, perché l'uomo si è tagliato davvero le vene. Dopo le cure in ospedale, si è presentato di nuovo da noi.

 

Da quel momento lo abbiamo accolto e assistito in ogni modo: vestiti, soldi e solidarietà. Con il passare del tempo quelle richieste sono diventate sempre più pressanti, soprattutto nei confronti di un frate di 34 anni che si era preso cura in prima persona dell'uomo. Abbiamo subito furti, anche di paramenti e di soldi; minacce durante la celebrazione della messa con Rosario che arrivava sull'altare e disturbando la funzione religiosa. Poi si è arrivati alla violenza" .

 

Il giorno in cui è stata presentata la denuncia, è stato lo stesso Cilona a chiamare i carabinieri e dire che stava dando a dare fuoco alla chiesa. Quando i militari sono arrivati, l'uomo aveva già gettato una secchiata di benzina addosso al frate e con lo stesso liquido cosparso il portone della chiesa. L'intervento dei militari ha scongiurato il peggio. "Abbiamo provato a fare di tutto - dicono i frati - ma la situazione era ingestibile". 
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa