WHATSAPP: 349 88 18 870

La Regione non ha soldi ma compra

La Regione non ha soldi e taglia ma compra due auto blindate per 225 mila euro

Insorgono i sindacati: «E la domenica si chiudono i musei...»

La Regione non ha soldi e taglia ma compra due auto blindate per 225 mila euro

I termini dell'acquisto sono contenuti in un decreto, firmato due giorni fa. Il documento non indica chi sarà il beneficiario delle due blindate, né a quale ufficio saranno assegnate. Il prezzo di ognuna delle vetture è pari a 89.900 euro, ma il costo lievita per via degli optional richiesti dalla Regione: airbag laterali per sedili posteriori per 348,36 euro oltre Iva e fari anteriori a tecnologia led con luci diurne a 12 led per 910 euro più Iva e 3,951 euro (oltre Iva) per pneumatici fuori uso.

"Il prezzo complessivo - si legge nel decreto - per ogni autovettura è di 111.037,44 euro e che occorre sommare a tale importo l'imposta regionale e/o provinciale di trascrizione che è a carico dell'amministrazione, pari a 1.004 euro per ciascuna autovettura". Per l'acquisto gli uffici della Regione hanno utilizzato il portale in rete della pubblica amministrazione, tramite convenzione Consip.

Per chiudere il bilancio di quest'anno, la Regione siciliana ha tagliato 400 mln di spesa e congelato altri 500 milioni tenendo in standby i fondi per precari e comuni in attesa di definire la trattativa con lo Stato sul trasferimento di entrate fiscali: intanto il governo trova 224.378,92 euro per comprare 2 auto blindate. Si tratta di due Volkswagen modello Passat Variant 2.0 BiTdi BluMotion technology 4 motion del valore di 112.189,46 euro ciascuna, optional compresi.

"Il governo regionale manda allo sbaraglio decine di testimoni di giustizia (neo assunti) presso l'ufficio di Roma, senza garantire alcun tipo di salvaguardia della loro incolumità, ma trova i soldi per acquistare altre auto blu blindate (con tanto di opzional) da destinare alla propria sicurezza. È questo l'ennesimo spettacolo indecente offerto da questi imbonitori della politica siciliana".

Lo affermano Marcello Minio e Dario Matranga, segretari generali del Cobas-Codir, il sindacato più rappresentativo tra i dipendenti regionali in Sicilia. "Eppure, l'assessore/commissario al Bilancio e i suoi fidi scudieri hanno strombazzato ai quattro venti la volontà di imporre una politica di massimo rigore che, evidentemente, è riservata soltanto ai cittadini siciliani e ai poveri dipendenti regionali - aggiungono i due sindacalisti - L'assessore al Bilancio dichiara ripetutamente che le casse regionali sono esangui e, infatti, negli uffici regionali si è arrivati al paradosso che non ci sono soldi neanche per acquistare la carta igienica offrendo, ad esempio nei musei, uno spettacolo indecente e da terzo mondo ai visitatori. Incredibilmente, però, tra le pieghe di un bilancio apparentemente tutto lacrime e sangue, ecco saltare fuori, come per magia, 224.378,92 euro per acquistare d'urgenza altre due auto blu blindate che vanno ad aggiungersi al già vasto parco macchine della Regione siciliana".

"Chissà perché, invece, in tante altre amministrazioni pubbliche, compresa l'Assemblea regionale, da anni si fa ricorso al sistema del noleggio a leasing molto più comodo ed economico? - aggiunge il Cobas/Codir - Non possiamo più consentire che i cittadini non conoscano il vero volto di questo governo e di questi politici. La spending review, infatti, vale soltanto per i fessi, per i dipendenti e per quei poveri testimoni di giustizia mandati a Roma a rischiare la vita. Per stipendi, missioni, rimborsi spese e indennità, invece - concludono Matranga e Minio - destinati a assessori, politici e personale dell'Ars non ci sono mai stati né tagli né ritardi, tutto ciò è irricevibile, è giunto il momento di dire basta".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa