WHATSAPP: 349 88 18 870

Pioggia di massi sulla stradaA Motta sfiorata la tragedia

Pioggia di massi sulla strada A Motta sfiorata la tragedia

Un distacco di rocce si è verificato nella parte soprastante via Montalto che per fortuna in quel momento era deserta. L'area è stata transennata

Pioggia di massi sulla strada A Motta sfiorata la tragedia

Motta S.Anastasia (Catania) - Un distacco di rocce, che per fortuna non ha determinato conseguenze a persone o cose, si è verificato nelle primissime ore di ieri lungo uno dei costoni che circoscrivono la rocca basaltica su cui si staglia l’originario insediamento abitativo di Motta S. Anastasia. Numerosi massi, alcuni di grosse dimensioni, si sono infatti staccati, per cause da accertare, dalla parte sommitale del costone, precipitando sulla sottostante via Montalto, strada che costeggia alla base la collina su cui ieri, data l’ora, nessuno fortunatamente transitava.

 

 Il distacco, è bene precisarlo, non ha riguardato la parte più significativa del neck lavico, ovvero le suggestive colonnine basaltiche di forma prismatica, poste alla base della stessa rupe, che si trovano a qualche centinaio di metri di distanza dal punto in cui si è verificata la frana. Preso atto di quanto accaduto, il sindaco Anastasio Carrà ha provveduto a fare transennare l’area per impedirne l’accesso, mentre i tecnici comunali stanno monitorando una casa, per quanto risulta disabitata, posta nella parte sommitale della rupe, appena sopra la porzione interessata dal distacco.

 

 Uno dei primi ad accorgersi dell’accaduto è stato un pedone che passava da via Montalto, Fausto Giudice. «Ho visto delle transenne e incuriosito mi sono avvicinato per osservare cos’era successo. Sono rimasto sbalordito nel vedere la mole delle rocce venute giù. La prima cosa che ho pensato è stata che la strada (di antica realizzazione ndr) è stata posizionata troppo a ridosso della rupe. Auspico che per mettere in sicurezza l’area non si faccia uso di cemento».

 

 Presente sui luoghi, per monitorare gli sviluppi del fenomeno, il responsabile dell’ufficio Urbanistica, l’arch. Alfio Limoli. «L’azione meccanica delle opunzie e degli alberi selvatici ha scalzato la massa rocciosa, creando gli episodi di distacco. E’ ovvio che da sotto non si possono apprezzare in maniera significativa possibilità di eventuali ripetizioni del fenomeno, per vedendosi delle fessure. Con il sindaco è stato concordato di contattare gli organi preposti (Genio Civile e Protezione civile, ndr) per eseguire un sopralluogo mirato. Il distacco non ha coinvolto il basalto colonnare».Concetti ripresi dal sindaco Carrà. «Abbiamo provveduto al doppio transennamento dell’area e nel contempo ho emesso un’ordinanza che impedisce l’accesso su via Montalto. Non farò rimuovere le rocce fino a quando tutta l’area non sarà messa in sicurezza, per impedire che qualche sconsiderato si avventuri a transitarvi con i propri mezzi».


GIORGIO CICCIARELLA                              

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa