home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Morta dopo dieci anni di coma, il papà: «Ora testamento biologico»

Morta dopo dieci anni di coma, il papà: «Ora testamento biologico»

Messaggio su Facebook di Luciano Di Natale, docente ragusano di matematica, in pensione, che lunedì scorso ha perso su figlia Sara, morta dopo 10 anni di coma vegetativo a seguito di uno shock anafillatico da solfiti

Morta dopo dieci anni di coma, il papà: «Ora testamento biologico»

RAGUSA - Ha perso la figlia in coma da dieci anni e la sua battaglia civile ora è a favore del testamento biologico. Luciano Di Natale, docente ragusano di matematica, in pensione, si è battuto molto per le problematiche che riguardano il fine vita, conoscendo e apprezzando Peppino Englaro perché il caso di Eluana richiamava anche quello di sua figlia Sara, morta lunedì scorso a Ragusa dopo 10 anni di coma vegetativo a seguito di uno shock anafillatico per aver mangiato una polpetta di carne trattata con solfiti di cui era allergica.

 

Dopo la morte della figlia, il padre consegna nel suo profilo Facebook un messaggio civile di forte impegno per la classe politica a favore del testamento biologico.   «La vita artificiale - scrive Di Natale - è molto peggio della morte. La medicina ha inventato, anzi 'creatò una nuova vita, chiamata "stato vegetativo". Se mia figlia avesse lasciato un testamento biologico sicuramente avrei fatto rispettare a tutti i costi la sua volontà e non avrebbe vissuto una vita artificiale orrenda e così poco dignitosa».

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa