WHATSAPP: 349 88 18 870

Palermo, corruzione e concussione Arrestati tre funzionari Forestale

Palermo, corruzione e concussione Arrestati tre funzionari Forestale

Inchiesta su una presunta copertura degli abusi edilizi, mentre per il capo del distaccamento di Palermo Villagrazia ci sarebbe anche un falso incidente sul lavoro per ottenere una pensione di invalidità

Palermo, corruzione e concussione Arrestati tre funzionari Forestale

La procura di Palermo ha aperto un'indagine per corruzione e concussione su tre funzionari del Corpo forestale, un imprenditore, un dipendente della Rap, l'azienda da che si occupa dello smaltimento dei rifiuti, e un operaio forestale stagionale.

L'inchiesta è condotta dalla Forestale e coordinata dal procuratore aggiunto Dino Petralia e dai pm Daniela Varone e Ciro De Flammineis.

Sono scattati gli arresti domiciliari per Antonio Polizzi, comandante del distaccamento di Palermo-Villagrazia della Forestale, Antonio Sacco e Salvatore La Piana, ispettori del Corpo forestale. La misura dell'obbligo di presentazione alla pg è stata imposta ad Antonino Chiazzese, dipendente Rap, al figlio Giuseppe, imprenditore e a Rocco Giuseppe Ferro, operai forestale.

Ad altre 11 persone sono stati notificati avvisi di garanzia. I reati contestati vanno dalla concussione, all'induzione indebita a dare o promettere utilità, alla truffa al peculato, al falso, all'omessa denuncia di reato e all'omissione di atti d'ufficio.

Antonio Polizzi, comandante del distaccamento della Forestale di Villagrazia, avrebbe ottenuto un assegno di invalidità dell'Inail per un falso incidente sul lavoro. Questa è l'accusa rivoltagli dal corpo forestale e che riguardava anche un giro di mazzette per coprire abusi edilizi.

Nell'ambito dell'inchiesta è emerso anche questo episodio. Da intercettazioni e pedinamenti è venuto fuori che Polizzi avrebbe concordato con un inconsapevole parasanitario una visita presso il pronto soccorso di un ospedale palermitano.

Tutto per fare certificare l'infortunio. Anche la figlia di Polizzi è coinvolta nell'inchiesta: alla donna è stato notificato un avviso di garanzia. L'amministrazione forestale le avrebbe erogato un assegno per aver partecipato come volontaria ad attività di spegnimento di incendi boschivi. Partecipazione che non ci sarebbe stata.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa