home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Licata: dopo blocchi umani di ieri, oggi sono riprese le demolizioni

Licata, dopo i blocchi umani di ieri riprendono le demolizioni

Decine di persone, compresi tanti bambini, ieri per bloccare forze dell'ordine e le ruspe si erano anche sdraiate sull'asfalto. Oggi sono stati gli ex proprietari dell'Immobile ad avviare il lavoro delle ruspe

Licata, dopo i blocchi umani di ieri riprendono le demolizioni

LICATA - Sono stati rimossi nella notte i blocchi "umani", compresi numerosi bambini, che fino a ieri sera impedivano la demolizione di una villetta abusiva, di Torre di Gaffe a Licata, da radere al suolo. Decine di persone per bloccare forze dell'ordine e le ruspe si erano anche sdraiate sull'asfalto.  Dopo il  muro umano, quindi, oggi, sono stati gli stessi proprietari, in autonomia, ad avviare  le demolizioni dell'immobile di 150 metri quadrati. A dare la comunicazione formale a Comune e Questura è stata la stessa ex intestataria della casa: Marcella Mazza, 54 anni, di Palma di Montechiaro (Ag). Ex intestataria perché la villetta, dopo la sentenza definitiva, è rientrata fra i beni del Comune di Licata.

 

All'alba di oggi le strade erano sgombere, ed erano sparite le barricate che ieri avevano fatto temere il peggio.  Ieri il procuratore di Agrigento, Renato Di Natale, e l'aggiunto Ignazio Fonzo avevano annunciato l'avvio di un'inchiesta e ribadito l'obbligo di abbattimento immediato della struttura abusiva: "la legge va rispettata - hanno detto - le demolizioni vanno eseguite per effetto di sentenze passate in giudicato. Sono 15 gli immobili, realizzati in aree con il vincolo di inedificabilità, passate di proprietà al Comune, da abbattere in questa prima fase. Le demolizioni dovranno farsi in virtù del protocollo di intesa che il sindaco, Angelo Cambiano, ha siglato lo scorso 7 ottobre con la Procura di Agrigento. 

 

E  il procuratore capo di Agrigento, Renato Di Natale, analizzando l'inversione di comportamento nel rione balneare di Torre di Gaffe a Licata, ha detto che "probabilmente si sono resi conto che lo Stato, attraverso i suoi organi, non consentiva alcuna forma di cessione in favore delle illegittime pretese formulate. Non ci sono possibilità di sanatoria, anzi ci sono sentenze passate in giudicato".

 

Il procuratore ha anche spiegato che  "è probabile che le spinte esterne che ci sono state per fomentare i disordini si siano placate perché appunto è stato capito che non c'erano spazi. Ha inciso, naturalmente, la fermezza del questore e delle forze dell'ordine. E tutti hanno, dunque capito, che era inutile questo tipo di resistenza che piuttosto avrebbe portato altri danni, ossia ad inchieste, a denunce ed arresti, oltre alla demolizione delle case". 

 

In pratica questa mattina si sono svolte più demolizioni in contemporanea. La ruspa della ditta Patriarca Salvatore di Comiso  - che si è aggiudicata la gara d'appalto per demolire gli immobili abusivi nel Comune di Licata - sta radendo al suolo una villetta, composta da seminterrato e piano sopraelevato, di circa 100 metri quadrati. Una casa, mai ultimata, che si trova a circa 50 metri di distanza dalla villetta che invece, sempre nel rione balneare Torre di Gaffe, gli ex proprietari stanno demolendo autonomamente. A Licata sono 200 gli immobili già acquisiti al patrimonio del Comune. Questa prima fase di demolizioni prevede un elenco di 15 immobili, tutti realizzati in area a inedificabilità assoluta, da radere al suolo.

 

Intanto - ha detto il procuratore Di Natale - "altri due ex proprietari di immobili abusivi a Licata  hanno fatto formalmente sapere che procederanno autonomamente alle demolizioni". Una delle demolizioni autonome - come detto - è già in corso e sta riguardando una villetta a pianterreno, di 150 metri quadrati. "Per tutti gli altri casi, si procederà con la ditta aggiudicataria - ha aggiunto Di Natale -. E con i risparmi fatti, grazie a queste demolizioni autonome, si potrà allargare questa prima fase, ossia il numero degli stabili da radere al suolo". La Procura ha dato tre giorni lavorativi ai due nuovi ex proprietari che hanno deciso di muoversi autonomamente e che risparmieranno sui costi delle demolizioni. 

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa