WHATSAPP: 349 88 18 870

Gemelli davanti ai PmPresentata memoria difensiva

Gemelli davanti ai Pm Presentata memoria difensiva

L'imprenditore augustano, ex compagno dell'ex ministro Guidi, è considerato il personaggio "chiave" dell'inchiesta sul petrolio in Basilicata. Secretati i contenuti dell'interrogatorio 

Gemelli davanti ai Pm Presentata memoria difensiva

L'imprenditore di Augusta Gianluca Gemelli - che oggi, negli uffici della Procura della Repubblica di Potenza, ha avuto un "faccia a faccia" di circa tre ore con i magistrati titolari dell'inchiesta sul petrolio in Basilicata - ha presentato una memoria difensiva. I contenuti dell'interrogatorio sono stati secretati. Secondo quanto si è appreso, Gemelli, difeso dall'avvocato Paolo Carbone, ha risposto alle domande che gli sono state poste dai magistrati (erano presenti il procuratore aggiunto Francesco Basentini, il sostituto Laura Triassi e il pm della Direzionenazionale antimafia Elisabetta Pugliese). All'interrogatorio erano presenti anche alcuni investigatori della Squadra mobile della Questura di Potenza, tra i quali il dirigente, Carlo Pagano.

 

 Gemelli, ex compagno dell'ex ministro allo Sviluppo Economico Federica Guidi ( la quale si è dimessa non appena scoppiato lo scandalo, ndr) è indagato con varie accuse in due filoni dell'inchiesta coordinata dalla Procura di Potenza. Nell'interrogatorio di questa mattina ha risposto ad alcune domande sugli affari del"quartierino" del petrolio: secondo gli inquirenti, l'imprenditore siciliano è "personaggio chiave" per gli interessi dello stesso "clan" in Basilicata, per il progetto Tempa Rossa, a Corleto Perticara (Potenza), e in Sicilia per il porto di Augusta (Siracusa). Nella stessa inchiesta risulta indagato anche il vice presidente di Confindustria, il siracusano Ivan Lo Bello.

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa