home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

«Beni confiscati, i Comuni pubblichino subito l’elenco»

«Beni confiscati, i Comuni pubblichino subito l’elenco»

Il senatore di Si Francesco Campanella ha raccolto la denuncia dell’associazione A Testa Alta di Licata: «Rispettare il Codice antimafia»
«Beni confiscati, i Comuni pubblichino subito l’elenco»
«I Comuni della provincia di Agrigento si mettano in regola con quanto prescritto dal codice antimafia e provvedano a pubblicare l’elenco dei beni confiscati alla mafia ricadenti nei loro territori». È quanto ha chiesto il senatore di Sinistra Italiana, Francesco Campanella, che ha fatto sua la denuncia dell’associazione di Licata «A testa alta», secondo cui la stragrande maggioranza dei Comuni dell’Agrigentino non ha reso noto l’elenco dei beni confiscati ricadenti nel proprio territorio. «In tempi recenti - sottolinea Campanella -, a seguito delle diverse richieste inviate dall’associazione di Licata, diversi Comuni si sono adoperati per adeguarsi agli obblighi di trasparenza. E così: il Comune di Siculiana ha pubblicato i dati relativi a 3 beni confiscati su 5; il Comune di Agrigento i dati relativi a 4 beni confiscati su 27; il Comune di Aragona i dati relativi a 5 beni confiscati su 13; il Comune di Grotte ha pubblicato i dati relativi a 1 bene a fronte dei 9 assegnati; il Comune di Sciacca ha pubblicato i dati di 4 beni su 12 trasferiti; il Comune di Campobello di Licata ha reso pubblici i dati riguardanti 1 bene su 18 che risultano assegnati. Gli altri Comuni, ad oggi, non hanno pubblicato alcun elenco. Per questo motivo mi sono impegnato con i giovani di Licata per inoltrare personalmente la richiesta alle amministrazioni inadempienti. Scriverò anche ai Comuni che parzialmente hanno adempiuto per chiedere loro che tempi si danno per pubblicare i dati mancanti ed al prefetto di Agrigento per chiedergli informazioni e aggiornamenti sulla questione. Il riutilizzo sociale dei beni confiscati ha motivo di esistere se accompagnato da un’operazione di trasparenza e condivisione coi cittadini. Il fatto che questi giovani continuino a chiedere trasparenza alle amministrazioni e trovino davanti a loro un muro di gomma è inaccettabile e mortifica l’intuizione di Virginio Rognoni e di Pio La Torre». Domattina partiranno le lettere ai restanti comuni della provincia di Agrigento.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa