WHATSAPP: 349 88 18 870

Morte padre Nico QueruloE' caccia al pirata della strada

Morte padre Nico Querulo E' caccia al pirata della strada

Secondo la Squadra Mobile non ci sarebbe alcun mistero da svelare sulla dinamica dell'incidente stradale avvenuto domenica a Vaccarizzo, dove Mario Querulo era andato a seguire una corsa clandestina di cavalli

Morte padre Nico Querulo E' caccia al pirata della strada
CATANIA - Sembrano delinearsi i contorni dell’incidente stradale avvenuto domenica mattina poco prima delle 6 a Vaccarizzo, lungo la strada statale 104, in territorio di Lentini, costato la vita a Mario Querulo, 53 anni, padre di Nico, che perse la vista perché colpito da un proiettile vagante sparato da alcuni sicari all’indirizzo di un sorvegliato speciale (che rimase ucciso) il 7 aprile del 1998 quando aveva solo 5 anni.
 

Secondo la Squadra Mobile, che su incarico del pubblico ministero sta indagando sull’accaduto, non ci sarebbe alcun mistero da svelare. L’incidente stradale c’è stato davvero, perché sul posto i segni del sinistro erano evidenti, e la vittima si trovava in compagnia del figlio Giovanni, 19 anni, fratello minore di Nico, che, dopo essere stato medicato nel pronto soccorso dell’ospedale Vittorio Emanuele, ha condotto il personale della Squadra Mobile sul luogo dell’incidente. In un primo momento, Giovanni Querulo aveva detto ai vigili urbani che lo scontro con un’auto e la loro moto era avvenuto in una strada di San Francesco La Rena. Ma sul posto i vigili non avevano trovato alcun segno. Ecco perché la palla è passata alla Mobile, che ha scoperto il luogo e ha confermato l’ipotesi dei vigili urbani: padre e figlio erano andati a Vaccarizzo per seguire una corsa clandestina di cavalli e per questo il ragazzo aveva tentato di sviare i vigili dando indicazioni errate. Tuttavia, sostiene la Mobile, al momento non ci sono elementi che possano ricondurre l’incidente alla corsa clandestina.
 

Si cerca invece di risalire all’investitore che è fuggito senza prestare soccorso. Querulo non ha saputo fornire alcuna descrizione del mezzo che li ha investiti perché tutto è successo in un attimo: padre e figlio erano in sella a un ciclomotore “Honda Sh” quando sono stati travolti, sbalzati in aria e, dopo un volo di alcuni metri, sono caduti pesantemente sul selciato. Una persona estranea ai fatti li ha soccorsi e trasportati in ospedale, dove il più anziano è morto poco dopo il ricovero. Per il figlio traumi e abrasioni.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa