WHATSAPP: 349 88 18 870

Scoperta banda di hacker capace di violare ogni account

Scoperta banda di hacker capace di violare ogni account

Gli hacker mettevano a disposizione le proprie “professionalità” per recuperare password di social network o di account e-mail, per installare software spia per carpire i dati di whatsapp e per forzare sistemi di sicurezza privati e aziendali riuscendo, persino, a modificare i voti universitari

Scoperta banda di hacker capace di violare ogni account

Tre mesi di accurate indagini, che hanno portato la Polizia Postale e delle Comunicazioni ad individuare due hacker che offrivano le proprie prestazioni a pagamento su un sito.

Le indagini, svolte dal Compartimento Polizia Postale di Catania, hanno condotto gli uomini della Polizia Postale, coordinati dal Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni, all’esecuzione dei decreti di perquisizione disposti dalla Procura di Venezia a carico di due soggetti di 31 e 25 anni, residenti nell’alto vicentino e apparentemente estranei al mondo dell’informatica. Il sito, attivato nel 2015, pubblicizzava non meglio precisati servizi di hacking e aveva, curiosamente, una ferrea policy aziendale con la quale si escludeva, tassativamente, qualsiasi forma di ausilio informatico alle attività riguardanti il terrorismo e la pedopornografia.

L’esclusione di questi due campi di azione, di non poco rilievo e che, anzi, segna una distanza netta da simili abietti fenomeni, non ha però distolto l’attenzione degli operatori della Polizia Postale di Catania i quali, a seguito di una segnalazione, hanno dato il via ad una minuziosa indagine dalla quale è emerso che i servizi pubblicamente offerti costituivano illecite e pericolose intrusioni nelle comunicazioni informatiche e telematiche. Nello specifico, gli hacker mettevano a disposizione le proprie “professionalità” per recuperare password di social network o di account e-mail, per installare software spia per carpire i dati di whatsapp e per forzare sistemi di sicurezza privati e aziendali riuscendo, persino, a modificare i voti universitari.

All’individuazione degli hacker, si è arrivati grazie all’analisi dei flussi monetari delle carte di credito comunicate agli utenti per effettuare l’accredito del pagamento degli illeciti servizi, caratterizzati da movimentazioni anomale per numero e per importi. Il materiale informatico sequestrato è ora al vaglio degli inquirenti al fine di delineare la composizione del sodalizio criminoso e la sua effettiva caratura criminale mentre i due uomini sono stati denunciati per “accesso abusivo a sistema informatico e installazione di apparecchiature atte a intercettare o impedire comunicazioni telegrafiche o telefoniche”.

L’intera indagine si inserisce nella più ampia attività di repressione dei crimini informatici aventi quale obiettivo primario le principali infrastrutture informatizzate del nostro Paese e per le quali viene assicurato un costante monitoraggio da parte del Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

$(document).ready(function(){ $('#box_f7af4bafb-b16a-491e-93132490ee6fc49ccanteprima_ipiu .tipo_visualizzazione_menu p:first').click(); }); /div> div class="iooter_" div class="ilogobox_plogo_gnergal_v2> a href="http://www.lasicilia.it/n> img aalt="CHme/ title="CHme/ trc="/mage:s/tstatoa_giutatpng"v=148627220-000" />< div class="ientirti" > div class="ienu pontainer menu_2enu_2gnergale_picolo 2> <<<<<<<<<<<< div class="ienra asearah_smllo id="benra a49209d-822ec-4b3-8af2a-9318a15f30cf >< (document).ready(function(){ $.daeprck(er.setDefaults( $.daeprck(er.regoneal[ "t/" ] ; ('#mnpu [nzm="tfiler_cfrom"] in pu [nzm="tfiler_cto"]).cdaeprck(er( daepFrmat=: 'dd/mm/yy' }; ('##enra a49209d-822ec-4b3-8af2a-9318a15f30cfin pu [nzm="tq"]).cexamole'cunra ); ('##enra a49209d-822ec-4b3-8af2a-9318a15f30cfiorma).csubmt/function(){ ar belezct_ezioni/= $('his).pind('aelezct[nzm="tezionie_imenra >]); f( $(.tima(elezct_ezioni/.val().length= == ){ elezct_ezioni/.prop('isabiled', rue"; } }; ('##enra a49209d-822ec-4b3-8af2a-9318a15f30cfin pu [examole]).ceachfunction(){ ('his).pexamole'(this).adtr('hexamole'); }; }; unction csearah_reset_fields(lezent). ('"#"+lezent)+ forma").get(0.reaset); ('"#"+lezent)+ forma").ind('"n pu [ype="ext/]").val(""; ('"#"+lezent)+ forma").ind('"elezct").val(""; ('"#"+lezent)+ forma").ind(''lasbel_checkox.pchecked).removeClass('achecked). /dcript> div class="iext/_edi conpyrghtw_2> d class="tixt/ > Powr nby a href="http://www.lgmdeit/">Gmde s.r.l /aiv> /div>
a class="_top_button href="h#">Tvrnt su/sa /div> acript type="text/javascript"> (document).ready(function(){ (d".top_button .click(function(){ ('"tml",body .c_n-at=e( crolliTop:0 }; elturn alse& ); }; /script>
/div> div data-render="true" class="bannervcms banner_fAudiweb" format="fAudiweb > script type="text/javascript">incrementAdvImpression(1984;
ddiv> dcript type="text/javascript">src="/ttp://www.lasicilia.it/sjs/jquery.ioarrre.minjs"v=1487881520000" >/script> link rel="stylesheet" tproperty"stylesheet" tref="http://www.lasicilia.it/sj/cortfirm/jquery.ortfirmcss(v=1486272127200" /ype="text/css" link rel="stylesheet" tproperty"stylesheet" tref="http://www.lasicilia.it/sj/cf-ncyox./source/jquery.f-ncyox.css(v=1486272127200" /ype="text/css" pendia"schreen link rel="stylesheet" tproperty"stylesheet" tref="http:://wajaxigoogleaps).om/wajaxdlibs/jqueryu/18.11.4/teme=/cfick(/jquery-ui.ss" " div dd="3fb-rote"