home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Messina, il Riesame: Astolfi e D'Andrea restano ai domiciliari

Respinto il ricorso di alcuni degli indagati nell'inchiesta sull'affidamento dei lavori della Siracusa Gela

Le tangenti lungo l'autostrada Siracusa-Gela: «Per fortuna l'avvocato nasconde i soldi»

Il tribunale del Riesame di Messina, accogliendo la richiesta della procura guidata da Maurizio De Lucia, ha respinto la richiesta di revoca dei domiciliari presentata dai legali di Duccio Astaldi e Antonio D’Andrea coinvolti in un’inchiesta su presunte irregolarità nella gara di affidamento dei lavori di realizzazione di tre lotti dell’autostrada Siracusa-Gela.

Entrambi, dunque, restano agli arresti domiciliari. Escono dal carcere e andranno agli arresti domiciliari invece Antonino Gazzarra e Nicola Armonium ai quali è stata sostituita la misura cautelare. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di abuso d’ufficio, turbata libertà degli incanti e corruzione.

Astaldi è presidente del consiglio di gestione della Condotte spa, impresa italiana leader nel settore delle costruzioni, D’Andrea presidente del consiglio di amministrazione della Cosige Scarl. Nell’indagine sono coinvolti anche l’ex capo della segretaria tecnica dell’ex governatore siciliano Rosario Crocetta, Stefano Polizzotto che è sottoposto all’obbligo di dimora confermato dal Riesame e il funzionario del Consorzio Autostrade Siciliano Gaspare Sceusa a cui il gip ha revocato i domiciliari. Nicola Armonium è un operatore finanziario, mentre Antonino Gazzarra era vicepresidente del Cas. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO