home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Catania, la Dia sequestra 1,5 mln a imprenditore Rapisarda

mafia, la Dia sequestra 1,5 mln a imprenditore Rapisarda

Beni per 1,5 milioni di euro sono stati sequestrati dalla Direzione investigativa antimafia (Dia) di Catania all'imprenditore Vincenzo Salvatore Rapisarda. Il provvedimento emesso dal tribunale etneo VIDEO

mafia, la Dia sequestra 1,5 mln a imprenditore Rapisarda

Beni per 1,5 milioni di euro sono stati sequestrati dalla Direzione investigativa antimafia (Dia) di Catania all'imprenditore Vincenzo Salvatore Rapisarda. Il provvedimento è stato emesso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale etneo su proposta del direttore della Dia, Nunzio Antonio Ferla.

Rapisarda nel 2015 è stato arrestato nell'ambito dell'operazione En Plein nei confronti di 16 presunti appartenenti al clan Morabito-Rapisarda di Paternò. Lo scorso gennaio è stata destinatario di un'ordinanza nei confronti di 108 indagati, emessa dal gip nell'inchiesta 'Vicerè' contro il clan Laudani.

Sigilli sono stati posti a una società e quote di partecipazione di aziende, operanti nel settore dell'autotrasporto, e disponibilità finanziarie, per un valore complessivo di circa 1.500.000 euro. 

Il provvedimento di sequestro ha riguardato beni intestati alla convivente di Rapisarda ed a lui riconducibili, costituiti da una società operante nell'ambito dell'autotrasporto per conto terzi, una quota di partecipazione nel capitale sociale di un'altra società analoga intestata ad un suo parente e rapporti bancari e finanziari. Rapisarda era stato arrestato il 3 aprile del 2015 in esecuzione nell'ambito dell'Operazione "En Plein" perché gravemente indiziato, insieme con altre 16 persone, di associazione mafiosa e del tentativo di omicidio di Antonino Giamblanco, uomo di fiducia di Salvatore Leanza, a capo del clan Alleruzzo, ucciso in un agguato pochi mesi dopo aver scontato una condanna per associazione mafiosa e omicidio.

Il 12 ottobre del 2015 la Prefettura di Catania ha emesso un decreto interdittivo nei confronti della società R.S.A. Trasporti Srl dopo che indagini hanno accertato frequentazioni con malavitosi e alla vicinanza ad ambienti della criminalità organizzata di tipo mafioso emerse sul conto di Vincenzo Salvatore Rapisarda, socio ed amministratore unico della società fino al 29 giugno del 2015. Accertamenti patrimoniali svolti dagli investigatori hanno consentito di accertare una notevole sproporzione tra le fonti dichiarate e i beni direttamente o indirettamente posseduti.

Le indagini patrimoniali e societarie hanno consentito di far emergere come Vincenzo Salvatore Rapisarda abbia, successivamente all'arresto, ceduto a parenti le quote di due società che si occupano di autotrasporto di merci per conto terzi per eludere eventuali misure patrimoniali nei suoi confronti. Gli atti di cessione, in virtù della normativa antimafia, sono stati considerati privi di efficacia e il Tribunale di Catania ha quindi esteso il provvedimento ablativo anche alle quote sociali cedute in maniera fittizia.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa