WHATSAPP: 349 88 18 870

Ragusa, autosalone abusivo Denunciati (anche) 49 acquirenti

Ragusa, autosalone abusivo Denunciati (anche) 49 acquirenti

A Ispica un "concessionario" abusivo che, negli ultimi anni, ha venduto circa 350 autovetture commercializzate in nero. L’inchiesta è partita dopo che le Fiamme Gialle di Pozzallo avevano individuato un soggetto, risultato peraltro disoccupato, intestatario di oltre 200 autovetture

Ragusa, autosalone abusivo Denunciati (anche) 49 acquirenti

I Finanzieri del Comando Provinciale di Ragusa hanno scoperto a Ispica un concessionario abusivo che, negli ultimi anni, ha venduto circa 350 autovetture commercializzate in nero.

L’inchiesta è partita dopo che le Fiamme Gialle della Tenenza di Pozzallo avevano individuato un soggetto, risultato peraltro disoccupato, intestatario di oltre 200 autovetture. L’imprenditore non si avvaleva di alcuna pubblicità ufficiale, né tantomeno disponeva di un autosalone. I prezzi al pubblico erano infatti più che vantaggiosi, proprio perché ogni obbligo tributario veniva puntualmente “dribblato” ormai da anni. Le indagini, sviluppate partendo da serie di appostamenti e pedinamenti, hanno condotto subito alla scoperta della concessionaria abusiva a ridosso del centro abitato di Ispica dove sono state trovate oltre cinquanta autovetture usate, esposte per la vendita.

Due persone, tra cui l’uomo ed il soggetto titolare del terreno ove l’attività illecita era posta in essere, sono state denunciate per aver allestito un vero e proprio salone espositivo di autovetture. La verifica fiscale avviata ha consentito di individuare ricavi non contabilizzati dal 2010 per oltre 700 mila euro, omesse fatturazioni ed Iva non versata superiore a 45.000 euro. L’imprenditore, evasore totale per ben 5 annualità, è stato dunque denunciato alla Procura della Repubblica di Ragusa per gli illeciti connessi all’omesso versamento dell’imposta sul reddito delle società.

Ad essere ascoltati negli uffici delle Fiamme Gialle circa un centinaio di clienti che, negli anni, hanno acquistato i veicoli dalla “concessionaria” in argomento. Tutti hanno confermato come l’uomo accettava solo pagamenti tramite denaro contante e, dunque, in alcun modo tracciabili. Sono stati sanzionati anche ben 49 acquirenti per aver effettuato pagamenti in contante sopra soglia, in violazione delle prescrizioni di legge che disciplinano il trasferimento di denaro contante.

I finanzieri hanno inoltre scoperto e fermato la truffa parallela che l’uomo da oltre 4 anni aveva messo in piedi nel corso dell’esercizio abusivo della vendita di autoveicoli. Nello specifico, godendo di alcune agevolazioni spettanti solo ai regolari concessionari, con alcuni raggiri, il soggetto ha ottenuto un indebito risparmio di circa 50.000,00 euro, non pagando l’imposta di trascrizione sul pubblico registro automobilistico durante le operazioni di acquisto di numerosissimi autoveicoli usati.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa