home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Sparatoria nel Bergamasco: coppia di gelesi uccisa a colpi di pistola

Le vittime sono Carlo Novembrini, 51 anni e la sua compagna, Maria Rosa Fortini di 40 anni. Fermato il presunto killer (legato al clan Madonia). Si tratterebbe di un delitto passionale

Sparatoria nel Bergamasco: coppia di gelesi uccisa a colpi di pistola

Caravaggio (bergamo). Una sparatoria con due vittime ha terrorizzato questa sera una sala slot di Caravaggio, attorno alle 18,15. Il duplice omicidio è avvenuto in via Treviglio, lungo l’ex statale Padana Superiore, all’interno della sala slot Gold Cherry.
Le vittime sono un uomo e una donna, una coppia italiana di 51 e 40 anni che si trovava nel locale. Sono Carlo Novembrini, originario di Gela, e Maria Rosa Fortini, nata a Crema, sua compagna: entrambi erano residenti a Sergnano, in provincia di Cremona.

GUARDA LA FOTOGALLERY

GUARDA IL VIDEO

Tra le ipotesi della sparatoria c'è anche quella del delitto di natura passionale, ma non è ancora confermata dagli inquirenti. Carlo Novembrini, è stato precisato da ambienti giudiziari, sarebbe stato in carcere al 41 bis.
Lui e Maria Rosa sono stati freddati con quattro colpi di pistola. In fuga l’omicida, un italiano, che con il suo gesto ha seminato il panico nel locale, che a quell'ora era affollato, e in tutta la zona circostante. Il presunto sarebbe ex sorvegliato speciale, che ha scontato una pena al 41 bis perché legato al clan Madonia e che nel passato avrebbe avuto un legame sentimentale con la donna uccisa.

Sul posto, oltre alla polizia locale e i carabinieri, anche due ambulanze e un’automedica. Il sostituto procuratore Gianluigi Dettori è intervenuto sul posto per coordinare le indagini dei carabinieri di Bergamo e Treviglio. Presente anche il sindaco Claudio Bolandrini.

Le forze dell’ordine hanno già recuperato i filmati nel locale per rintracciare l’omicida, scappato con una donna, sembra a bordo di una Panda che si sarebbe diretta verso la vicina cittadina di Treviglio. Nell’immediatezza si era pensato a una rapina finita nel sangue, ma i primi accertamenti sembrerebbero aver escluso questa ipotesi.
La sala slot si trova in un complesso commerciale, ma ha l'ingresso sull'esterno. Gli inquirenti hanno poi sentito le varie persone che erano presenti all’interno de locale, aperto da alcuni anni, per ricostruire l’accaduto.

È emerso che il killer è andato a colpo sicuro: evidentemente aveva già pianificato il tutto. Nessun altro è rimasto ferito. Il reparto scientifico dei carabinieri ha eseguito fino a tarda serata i rilievi nel locale, che è stato posto sotto sequestro. 

Nella foto qui sotto il presunto killer ripreso dalla videosorveglianza

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO