home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Ancora violenza negli ospedali siciliani, operatore picchiato a Palermo

C'era troppo caos nel reparto e il parente di un paziente ha rotto un timpano a un operatore socio sanitario che aveva chiesto ai visitatori di uscire

Ancora violenza negli ospedali siciliani, operatore picchiato a Palermo

PALERMO - Ancora violenza negli ospedali siciliani. Nuova aggressione a Palermo. La vittima questa volta è un operatore socio sanitario di 56 anni, G.S., in servizio al pronto soccorso dell’ospedale Cervello. L'episodio è successo domenica sera, ma la notizia è stata resa nota solo stamani. L’uomo è stato picchiato dal familiare di un paziente che non ha gradito l’invito dell’operatore a uscire dalla stanza perché c'era troppo affollamento. L’aggressione, infatti, è avvenuta intorno all’ora di cena, quando nella stanza dell’ospedale ad assistere il paziente c'erano otto persone. Così il 56enne ha chiesto ai familiari di uscire perché restasse solo un parente.

Una richiesta che ha mandato su tutte le furie l’aggressore che lo ha colpito sferrando al malcapitato un pugno, prima di allontanarsi dall’ospedale. L’uomo ha perso subito sangue da un orecchio ed è stato immediatamente soccorso. "Ha riportato la perforazione della membrana del timpano" spiegano dal nosocomio. L’operatore sociosanitario ha presentato denuncia per lesioni. L’aggressore è stato identificato. Sulla vicenda indaga la Polizia.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO