home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

«Non c'è posto in corsia» e una donna aggredisce una dottoressa

Nuovo episodio al Cervello di Palermo. Protagonista la figlia di una donna cardiopatica alla quale i sanitari avevano consigliato di rivolgersi ad un'altra struttura. Il medico ha deciso di denunciare

«Non c'è posto in corsia» e una donna aggredisce una dottoressa

Nuova aggressione a un operatore sanitario a Palermo. Una dottoressa di turno al pronto soccorso dell’ospedale «Cervello» è stata aggredita dalla figlia di una paziente cardiopatica.

Il medico aveva consigliato alla donna il trasferimento della madre in un’altra struttura ospedaliera. A questo punto la figlia ha iniziato ad urlare e a spingere con violenza la dottoressa.

«E' successo tutto in pochi minuti - spiegano dall’azienda sanitaria - La dottoressa stava informando le due donne che era necessario il trasferimento, perché nel reparto di Cardiologia del Cervello, al momento, non c'erano posti disponibili».

Sono intervenuti i poliziotti chiamata dagli operatori sanitari del Pronto Soccorso. Agli agenti la dottoressa ha raccontato di essere stata spintonata più volte; per questo motivo, pur non essendo stato necessario fare ricorso alle cure mediche, ha deciso di denunciare la donna che l’aveva aggredita.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • Urologo

    25 Aprile 2018 - 12:12

    La gente in sicilia è stanca di avere seevizi ospedalieri scadenti e senza posti letto, purtroppo come sempre i problemi ricadono sui medici e i pazienti pagando gli errori politici che sono succubi dei baroni universitari della medicina che fanno proclami assurdi fra i quali acquistare insulsi robot per la chirurgia che costano milioni di euro.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO