home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Emergenza incendi in Sicilia rientrata

Emergenza incendi in Sicilia rientrata quasi 400 i roghi, autostrade riaperte

Riaperta anche la rete ferroviaria VD 1 - VD 2
Cracolici: «Sbagliato dare la colpa ai forestali»

Emergenza incendi in Sicilia rientrata quasi 400 i roghi, autostrade riaperte

La situazione incendi in Sicilia è tornata sotto controllo. Lo ha assicura il ministro dell’Interno Angelino Alfano a Palermo parlando degli incendi che hanno devastato la Sicilia.

«Ci sono in corso 184 interventi dei vigili del fuoco a fronte di 300-400 focolai che sono divampati in Sicilia, con circa 80 centri colpiti» ha comunicato il capo del Viminale.  Per fare la valutazione dei danni causati dagli incendi che ieri hanno devastato diverse zone della Sicilia, il ministro ha chiesto al Prefetto di Palermo di organizzare una riunione col governo della Regione e con i comuni per fare il punto della situazione «e - dice Alfano - per dividerci i compiti».

«L'autocombustione è una pista suggestiva la reazione sarà durissima faremo di tutto per accettare eventuali responsabilità - ha aggiunto Alfano - La polizia e i carabinieri  hanno mandato le informative alle Procura di Termini Imerese e di Palermo per trovare gli eventuali responsabili. Darò tutti i mezzi a polizia e carabinieri per raggiungere l'obbiettivo di assicurare i responsabili». 

 

 

Anche l'Anas ha comunicato che la situazione è tornata alla normalità. «Gli incendi nell’hinterland del palermitano, che avevano colpito le autostrade A19 Palermo - Messina - Catania e A29 Palermo - Mazara del Vallo, nonché la strada statale 113 'Settentrionale Sicula - si legge in una nota - sono stati estinti tra la serata di ieri e l’alba di oggi». In provincia di Messina, nel corso della notte, erano divampati altri due incendi che avevano colpito la statale 113, rispettivamente a Gioiosa Marea e a Capo d’Orlando, ma sono stati spenti nella mattinata di oggi.

A Cefalù resiste, in contrada Vallegrande, l’ultimo focolaio. Ma intanto è scattata un’emergenza idrica. Da questa notte è fermo l’impianto di Presidiana, che distribuisce l’acqua alla città, per un guasto alle pompe di sollevamento.

L’Amap, che gestisce la struttura, si è impegnata a riparare il guasto in giornata. Per le esigenze civili e per eventuali rifornimenti ai mezzi antincendio il Comune assicura un servizio con le proprie autobotte. Sotto osservazione è soprattutto la situazione dell’ospedale Giglio che ha ridotto alcune attività ambulatoriali ma mantiene tutti i servizi essenziali.

 

Riaperta anche la rete ferroviaria
Dalle 16, conclusi gli ultimi interventi di manutenzione straordinaria delle squadre tecniche di emergenza, l’intera rete ferroviaria siciliana è tornata pienamente funzionante ed è ripresa la circolazione ferroviaria. Le squadre tecniche di Rete ferroviaria italiana hanno lavorato incessantemente, per tutta la notte e la mattinata, per riparare i guasti provocati agli apparati tecnologici e all’infrastruttura dagli incendi che da ieri hanno interessato l'Isola.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa