home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Set Impianti, fondi distratti a società fallita

Set Impianti, fondi distratti a società fallita Arresto e sequestro beni per i Ranieri

Gli imprenditori di Augusta, padre e due figli, indagati per bancarotta fraudolenta/VIDEO

Set Impianti, fondi distratti a società fallita Arresto e sequestro beni per i Ranieri

CATANIA - La Guardia di Finanza di Catania ha eseguito misure cautelari personali nei confronti di tre imprenditori indagati per bancarotta fraudolenta nell’ambito dell’inchiesta sul fallimento, dichiarato dal Tribunale di Catania, della "Set Impianti srl" di Augusta (Siracusa). Militari delle Fiamme gialle stanno contestualmente sequestrando beni e disponibilità finanziarie per un valore complessivo stimato in oltre 15 milioni di euro.

 

Gli arrestati per bancarotta fraudolenta sono i fratelli Francesco e Raffaele Ranieri, soci della ditta, ed il padre Antonio, amministratore della società, che - secondo quanto si apprende - sta rientrando in Italia dall’estero per costituirsi. Per tutti e tre sono stati disposti gli arresti domiciliari. Le indagini, dirette dai pm Michelangelo Patanè e dal sostituto procuratore Fabio Regolo, del pool che indaga sui reati contro la criminalità economica della Procura distrettuale di Catania, sono state svolte dal Nucleo di Polizia Tributaria in collaborazione con i consulenti tecnici nominati dall’autorità giudiziaria.

 Le Fiamme Gialle stanno anche procedendo al sequestro preventivo di somme di denaro e beni aziendali che secondo l'accusa sarebbero stati distratti dal patrimonio della ditta fallita: 2,5 milioni di euro, due rami d’azienda che riguardano la costruzione di imbarcazioni e la costruzione e manutenzione di impianti industriali nel settore petrolchimico per un valore complessivo di 12 milioni di euro e un capannone industriale, del valore di 700 mila euro.

 La vicenda nasce dal fallimento della «Set Impianti S.r.l.», società già operante nella realizzazione e installazioni di impianti industriali, trasferita da Augusta (Siracusa) a Catania alla fine del 2012 e dichiarata fallita nel novembre del 2014 con un passivo di oltre 20 milioni nei confronti dell’Erario. Numerose ed articolate secondo gli investigatori le operazioni che hanno condotto al fallimento la società che è stata progressivamente svuotata di tutte le attività economiche e finanziarie, che sono state trasferite verso altre società riconducibili agli indagati.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa