WHATSAPP: 349 88 18 870

Palermo, neonata nel cassonetto Chiesti 21 anni per la madre

Palermo, neonata nel cassonetto Chiesti 21 anni per la madre

Il pm Maurizio Bonaccorso ha chiesto la condanna a 21 anni e 2 mesi di carcere per Valentina Pilato, la mamma che gettò la figlia appena nata nel cassonetto il 24 novembre 2014. Per la procura, la donna era capace di intendere e premeditò l’omicidio

Palermo, neonata nel cassonetto Chiesti 21 anni per la madre

Il pm Maurizio Bonaccorso ha chiesto la condanna a 21 anni e 2 mesi di carcere per Valentina Pilato, la mamma che gettò la figlia appena nata nel cassonetto il 24 novembre 2014. Per la procura, la donna era capace di intendere e premeditò l’omicidio. 


 Nelle scorse udienze, i periti chiamati in causa dalla corte d’assise - Francesco Bruno e Maria Pia De Giovanni - hanno sostenuto che Valentina Pilato non era in grado di intendere e volere. Si liberò della piccola come si fa di «un oggetto pericoloso che la mente della madre si rifiuta di considerare un figlio». Di diverso avviso i consulenti del gip, secondo i quali la donna sarebbe stata capace di intendere e volere perché aveva un disturbo di adattamento che non ne avrebbe inficiato la lucidità.

Di parere diametralmente opposto i periti della difesa. Inizialmente i pm avevano contestato alla giovane mamma il reato di infanticidio, l’imputazione, però, è stata poi modificata. Pilato ha raccontato che non sapeva di essere giunta già al nono mese, credeva di essere al settimo. Avrebbe nascosto la gravidanza al marito perché sapeva che non sarebbe stata ben accetta e contava di riferirglielo dopo. 

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa