WHATSAPP: 349 88 18 870

Omicidio in Germania 23 anni fa Incastrati dal Dna due di Delia

Omicidio in Germania 23 anni fa Incastrati dal Dna due di Delia

Due arrestati dai carabinieri per l'omicidio di un ristoratore nel 1993 a Mannheim. Sono stati identificati grazie ai campioni di Dna in possesso della Polizia tedesca e comparati con i campioni prelevati ai due indagati

Omicidio in Germania 23 anni fa Incastrati dal Dna due di Delia

Delia (Caltanissetta). Ventitré anni fa sarebbero stati complici nel commettere un omicidio in Germania. Con questa accusa sono stati arrestati dai carabinieri Gioacchino Genova, 49 anni, impiegato comunale di Delia e Salvatore Lodato, 57 anni, pure lui di Delia.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti i due, una sera del febbraio '93, insieme a un cittadino spagnolo sequestrarono e uccisero il ristoratore Giuseppe Sabia, che aveva aperto un locale a Manheim. I tre attesero che Sabia chiudesse il locale, lo sequestrarono per condurlo fino a un casolare dove lo picchiarono con la gamba di una sedia per poi ucciderlo con un colpo di pistola alla testa.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti tedeschi, alla base della vicenda, ci sarebbero motivi economici, In particolare lo spagnolo - ritenuto il personaggio chiave dell'inchiesta e che è già stato arrestato nei mesi scorsi in terra iberica - che aveva lavorato nel ristorante di Sabia ed era successivamente stato licenziato, pretendeva che gli fossero versate alcune somme non pagate finché decise di arrivare alla soluzione estrema, chiedendo aiuto ai due siciliani che conosceva. A giocare un ruolo chiave gli accertamenti del Dna sui reperti in possesso delle autorità tedesche, che comparati con i campioni prelevati agli indagati, hanno consentito di chiudere il cerchio.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa