WHATSAPP: 349 88 18 870

Enna, il Miur non ci sta e conferma

Enna, il Miur non ci sta e conferma "La laurea romena in medicina non vale"

Il ministero sta valutando «di fornire puntuali indicazioni

alle Università per confermare la non riconoscibilità del titolo di studio» 

Enna, il Miur non ci sta e conferma "La laurea romena in medicina non vale"

Il ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca sta valutando «ogni possibile ulteriore azione al fine di ricondurre nel più breve tempo possibile questa spiacevole situazione nell’alveo della legalità e di fornire puntuali indicazioni alle Università per confermare la non riconoscibilità del titolo di studio».

E’ quanto scrive il Miur, in riferimento al caso dell’Università rumena Dunarea de Jos Galati di Enna, prendendo «favorevolmente atto" dell’ordinanza del Tribunale di Caltanissetta depositata il 19 luglio. 

Ordinanza che, scrive il sito di Viale Trastevere, ha ritenuto «fondate le doglianze dello stesso ministero per ciò che concerne il profilo del fumus boni iuris», affermando che l'iniziativa relativa alla costituzione di una facoltà di medicina a Enna da parte dell’Università Dunarea de Jos di Galati e della Fondazione Proserpina è in «contrasto con l'ordinamento nazionale e comunitario. Risulta pertanto confermato, come già fatto presente dal Ministero all’Università Dunarea de Jos e alla Fondazione Proserpina fin dallo scorso mese di settembre e come già pubblicato sul proprio sito internet, che «eventuali titoli rilasciati all’esito di tali corsi non avrebbero alcun valore né a fini accademici né ai fini professionali e non potrebbero essere riconosciuti né da altro Ateneo né da altra Autorità pubblica». 

Il tribunale di Caltanissetta, spiega il sito del Miur, ha fatto presente che «l'azione attivata ai sensi dell’articolo 700 del codice di procedura civile non consente al giudice di ordinare la cessazione delle attività didattiche, in quanto non è provata l’irreparabilità del danno causato dall’attivazione dei corsi. Tuttavia già il giudice di primo grado aveva affermato la possibilità di un provvedimento successivo del Ministero per disconoscere l’efficacia dei titoli di studio». 

«Anche al fine di tutelare la posizione degli stessi studenti frequentanti tali corsi», il ministero sta quindi "valutando ogni possibile ulteriore azione al fine di ricondurre nel più breve tempo possibile questa spiacevole situazione nell’alveo della legalità e di fornire puntuali indicazioni alle Università per confermare la non riconoscibilità del titolo di studio».

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa