WHATSAPP: 349 88 18 870

Beni per un 1,5 mln di euro confiscati ad imprenditore a Messina

Giuseppe Lo Re è ritenuto legato alla famiglia mafiosa di Mistretta. Dalle indagini, emersa una forte sperequazione finanziaria tra il reddito e i suoi reali possedimenti

Beni per un 1,5 mln di euro confiscati ad imprenditore a Messina

Giuseppe Lo Re

MESSINA - La Dia di Messina, coordinata dal Centro Operativo di Catania, ha eseguito una confisca di beni per circa un milione e mezzo di euro a carico di Giuseppe Lo Re, imprenditore di Caronia (Messina), appartenente alla famiglia mafiosa di Mistretta. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Messina, sezione Misure di prevenzione.


A Lo Re sono state confiscate due imprese del settore della commercializzazione delle autovetture e una associazione che gestisce un night club; ai suoi prestanome e ai componenti del suo nucleo familiare sono state confiscate cinque unità immobiliari, un rapporto finanziario, cinque autocarri ed autovetture. Inoltre, è stata disposta per Lo Re la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza per quattro anni con obbligo di soggiorno nel comune di residenza e la messa in liquidazione dalla società "Autoservice srl"
Evidenziata dalle indagini la sperequazione economico finanziaria tra il reddito e le reali disponibilità possedute da Lo Re.

Quest’ultimo è ritenuto legato alla "famiglia mafiosa di Mistretta", guidata da Sebastiano Rampulla deceduto nel 2010, già rappresentante provinciale di "cosa nostra" per la provincia di Messina e fratello di Pietro, condannato all’ergastolo perché ritenuto 'l'artificierè della strage di Capaci. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa