WHATSAPP: 349 88 18 870

Indiano libero dopo tentativo rapimento di una bimba a Scoglitti, il pm ci ripensa

Ram Lubhaya, era stato liberato in attesa della convalida del fermo. Numerose le reazioni di protesta sul web e tante le segnalazioni al 112 da parte di cittadini allarmati

Indiano libero dopo tentativo rapimento di una bimba a Scoglitti, il pm ci ripensa

Scoglitti (Ragusa) - Lasciato a piede libero in attesa della convalida del fermo per il tentativo di rapire una bimba di 5 anni, Ram Lubhaya, indiano di 43 anni, è stato portato nella caserma dei carabinieri per essere interrogato dal sostituto procuratore Giulia Bisello. Era stata proprio il pm a disporre la sua libertà, scatenando reazioni polemiche sul web; lo stesso pm stamani ha chiesto ai carabinieri di rintracciare l’uomo, trovato, dopo due giorni di ricerche, in un casolare a Vittoria, ospite di altri extracomunitari. 

Dopo l’episodio del tentativo di rapimento della bambina di 5 anni, lo scorso 16 agosto, sul lungomare di Scoglitti, i carabinieri di Ragusa stanno svolgendo un servizio di prevenzione sulle strade della provincia e in particolar modo lungo quelle del litorale ibleo. Mobilitati i militari delle 17 tenenze/stazioni e dei tre nuclei operativi e radiomobili.


I carabinieri fanno sapere che moltissimi sono stati i genitori che hanno chiamato il 112, spaventati dopo aver saputo quanto è accaduto alla bimba portata via davanti ai genitori e dagli stessi liberata, con il successivo fermo dell’indiano 43enne Ram Lubhaya, da parte dei militari di Scoglitti. Altri, genitori e non, si sono sfogati sui social network, arrivando a segnalare la presenza di persone sospette, notate a bordo spiaggia guardare l’arenile. Non potendo escludere l’ipotesi che accadano nuovamente fatti analoghi i carabinieri hanno deciso d’intensificare i controlli a ridosso delle spiagge, luoghi dove purtroppo, da sempre, i bambini si smarriscono in mezzo alle frotte di bagnanti. «Vero è - sostengono i militari dell’Arma - che non tutti i soggetti che guardano le spiagge debbano per forza essere pedofili o rapitori di bambini, la maggior parte di quelli che scrutano attentamente l'arenile in genere sono borseggiatori che cercano borse incustodite da rubare. Ma anch’essi devono essere fermati».


I carabinieri invitano tutti i cittadini, bagnanti e non, a segnalare immediatamente al 112 ogni persona sospetta notata sull'arenile, a bordo spiaggia o comunque sul lungomare. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • renzoslabar

    renzoslabar

    20 Agosto 2016 - 21:09

    . Ordine di espulsione e rimpatrio immediato no? . Cosa ci stanno a fare le rappresentanze dei magistrati, del CSM e degli ispettori del relativo ministero da attivarsi per motu del ministro di fronte a queste sentenze o proscioglimenti? .

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP