home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

G7 in Sicilia, Cantone: «Sarebbe stato meglio muoversi prima»

Il presidente dell'Anac, commenta i lavori per il vertice internazionale previsto a fine maggio

G7 in Sicilia, Cantone: «Sarebbe stato meglio muoversi prima»

Cantone si riferiva all’audizione di fine gennaio in commissione Bilancio, nella quale aveva “bocciato” le procedure negoziate senza bando disposte dal Consiglio dei Ministri in vista del G7 con il decreto legge n. 243/2016, esprimendo forti perplessità sulla deroga concessa dal governo per i cantieri (non ancora avviati). Il governo per affrettare i tempi ha previsto l’attuazione dell’articolo 7: un percorso procedurale semplificato. Ma Cantone aveva detto a Montecitorio: «La norma, praticamente consente l’affidamento attraverso il sistema diciamo della procedura senza appalto, quindi, sostanzialmente una procedure iper-eccezionale con un criterio che anche in italiano si fa fatica a capire».

«Il tema vero – aveva aggiunto il Presidente Cantone – è che quelle sono procedure assolutamente semplificate che consentono l’affidamento senza limiti di importo semplicemente con cinque preventivi. Questa deroga ci preoccupa perché è la prima deroga che viene fatta ad un codice dei contratti che ideologicamente nasceva con l’idea che deroghe non ce sarebbero più dovute essere. E poi nemmeno per il terremoto è stata fatta una deroga di questo tipo».

«Sul G7, e sull’articolo 7 che è la relativa norma per i lavori del G7 – aveva aggiunto il presidente dell’Anac - ora bisogna essere concreti e tenere conto delle situazioni reali. Noi sappiamo che il G7 deve iniziare a maggio e che io sappia dal punto di vista delle infrastrutture non è stato fatto nulla o pochissimo. Non ho elementi precisi e non sappiamo. Ma la norma consente l’affidamento attraverso la procedura senza bando, in modo iper-eccezionale e con un criterio che anche in italiano si fa fatica ad individuare».

Cantone ha concluso l’audizione precisando: «Io non ho un’idea di quali possano essere i meccanismi alternativi però è evidente che questa norma (l’art. 7 del dl 246/2016, ndr) rischia di essere pericolosa anche se è difficile individuare un’alternativa, oggi, a distanza di così breve tempo perché i lavori vanno realizzati ma la norma è, oggettivamente molto pericolosa».

Il capo dell’Anac: «Lavori senza gare, prima deroga al Codice degli appalti. Ma per il G7 solo piccoli interventi, faremo una vigilanza attenta»

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO