WHATSAPP: 349 88 18 870

Palermo, surreale caso all’Asp Inchiostro blu, ricetta respinta

Palermo, surreale caso all’Asp Inchiostro blu, ricetta respinta

Ad un paziente è stato chiesto di riprodurre la richiesta, peraltro compilata da un medico del Policlinico, con l’inchiostro nero: il caso è accaduto negli uffici di via La Loggia
Palermo, surreale caso all’Asp Inchiostro blu, ricetta respinta
La ricetta è scritta con la penna blu? Non possiamo accettarla, va scritta con la penna a inchiostro nero. È l’incredibile risposta che un paziente ha ricevuto dagli addetti allo sportello accettazione dell’Azienda sanitaria di Palermo, ufficio via Gaetano La Loggia. Nella Sicilia degli scandali dove i pronto soccorso degli ospedali sembrano dei suk capita anche che un utente sia stato costretto a barcamenarsi tra un reparto e un ufficio solo per una questione di inchiostro. E dire che a compilare la ricetta medica è stato un medico del Policlinico di Palermo, che probabilmente ignora la disposizione sull’inchiostro, sempre che esista una regola che stabilisca quale colore della penna bisogna usare. Morale? Ricetta riscritta dal medico curante del paziente, ovviamente con la penna a inchiostro nero, accettata dai solerti dipendenti dell’Asp.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP