WHATSAPP: 349 88 18 870

Palermo, la villa di Totò Riina è diventata una caserma dell’Arma

Palermo, la villa di Totò Riina è diventata una caserma dell’Arma

Inaugurata la stazione dei carabinieri Uditore nella villa dove il boss trascorse l’ultima parte della sua latitanzaprima della cattura il 15 gennaio del 1993. Presente anche il ministro dell’Interno Angelino Alfano
Palermo, la villa di Totò Riina è diventata una caserma dell’Arma
E’ stata inaugurata la stazione dei Carabinieri “Uditore”, ricavata dall’ex villa di Totò Riina, accanto alla sede dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia e all’interno del complesso residenziale di via Bernini 54, a Palermo. La villa, confiscata alla mafia insieme ad altre nel 2007, è stata l’ultima residenza del boss mafioso prima del suo arresto, la mattina del 15 gennaio del 1993. La caserma sarà intitolata al maresciallo Mario Trapassi e all’appuntato Salvatore Bartolotta, medaglie d’oro al valor civile, assassinati da Cosa Nostra nella strage di via Pipitone Federico del 29 luglio 1983, in cui perse la vita anche il consigliere istruttore Rocco Chinnici. Nell’attentato morì anche il portiere dello stabile, Stefano Li Sacchi. Hanno presenziato anche il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, il comandante generale dell’Arma, generale Tullio Del Sette, il prefetto di Palermo, Francesca Cannizzo, il direttore dell’Agenzia nazionale dei beni confiscati, il prefetto Umberto Postiglione, e il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che ha donato la bandiera nazionale al comandante della stazione, il luogotenente Ciro Musto. Partecipano anche gli alunni delle scuole Bernini, Buttitta e Setti Carraro.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP