WHATSAPP: 349 88 18 870

Ecco le Bandiere Blu 2015 e in Sicilia soltanto cinque

Ecco le Bandiere Blu 2015 e in Sicilia soltanto cinque

L’Isola, la regione italiana con il maggior numero di chilometri di costa balneabile, ha solo 5 bandiere Blu, come il Trentino! Escono Ragusa e Marsala, entra Tusa

Ecco le Bandiere Blu 2015 e in Sicilia soltanto cinque

ROMA - Sono 147 i comuni rivieraschi, per 280 spiagge complessivamente (pari a circa il 7% del totale di quelle premiate a livello internazionale), e 66 gli approdi turistici in Italia che hanno ottenuto le Bandiere Blu 2015, il riconoscimento assegnato dalla Fee (Foundation for environmental education) in base a determinati criteri guida dallo spirito “verde”. Regina in Blu della prossima estate è la Liguria dove la bandiera potrà sventolare in 23 località (3 nuovi ingressi); a seguire la Toscana con 18 località e le Marche con 17. In Campania si arriva a 14 bandiere grazie anche a un nuovo ingresso; stesso discorso per la Puglia che arriva ad 11. L’Emilia Romagna rimane a quota 9, l’Abruzzo perde due “pezzi” e arriva ad 8; anche il Veneto ne prende 8 (con un nuovo ingresso) così come il Lazio, la Sardegna (2 nuovi acquisti). La Sicilia scende a 5 bandiere avendone (ne perde due e ne conquista una); la Calabria 4, il Molise 3, il Friuli Venezia Giulia ne conferma 2, la Basilicata 1.  

 

Quest’anno c’è un incremento per i laghi: 1 bandiera per la Lombardia, 2 per il Piemonte che ne riconquista una e 5 per il Trentino Alto Adige.  

 

I criteri guida per l’assegnazione delle Bandiere Blu vanno “dall’assoluta validità delle acque di balneazione” (devono avere una qualità ‘eccellentè) all’efficienza della depurazione, dalla raccolta differenziata alle aree pedonali, piste ciclabili e spazi verdi, fino alla dotazione di tutti i servizi sulle spiagge.  

 

Trend in crescita quello delle località Bandiera Blu, rispetto all’anno scorso. Ci sono sette comuni in più (11 nuovi ingressi e quattro uscite). A conquistare il vessillo sono: Capaccio (Campania); Terracina (Lazio); Borghetto S. Spirito, Taggia, S. Margherita Ligure (Liguria); Cannobio (Piemonte); Castellaneta (Puglia), Castelsardo, Sorso (Sardegna), Tusa (Sicilia), Rosolina (Veneto). Mentre lo perdono: Silvi (Abruzzo), Rocca S. Giovanni (Abruzzo), Ragusa, Marsala (Sicilia). «Anche per il 2015 possiamo annunciare con soddisfazione un aumento di Bandiere Blu, un incremento costante che dimostra, nonostante le ridotte risorse economiche, la volontà di tanti comuni di non mettere al secondo posto l’attenzione per l’ambiente», afferma Claudio Mazza, presidente della Fee Italia.  

 

Certo che stupisce leggere che la Sicilia, regione italiana con il maggior numero di chilometri di costa balneabile, ha solo 5 Bandiere Blu, (Tusa, Ispica, Pozzallo, Lipari e Menfi) quante ne ha il Trentino (per i laghi): in questi numeri c’è proprio il segno dell’incapacità dei politici siciliani che in tanti hanno non hanno fatto proprio nulla per quelli che dovrebbero essere i punti di forza della Sicilia, primo fra tutti il mare. E infatti l’Isola continua a essere nel mirino dell’Ue per gli scarichi fognari a mare, per i reati ambientali, per l’abusivismo lungo le coste, per la spazzatura. Certo ci sono le mosche bianche, le località che con sforzi non indifferenti riescono a ottenere importanti riconoscimenti come la Bandiere blu, ma sono vittorie ascrivibili solitamente a pochi amminitratori virtusoi, magari coadiuvati da gente e associazioni del posto che hanno veramente a cuore il luogo in cui vivono.  

 

Punti cardine per ottenere la Bandiera Blu sono qualità delle acque “eccellenti”, gestione del territorio, educazione ambientale, promozione di un turismo sostenibile, cose che in Sicilia è davvero raro vedere. Nella fase di valutazione, portata avanti dalla Giuria nazionale, hanno dato il loro contributo vari enti (dal ministero dei Beni culturali a quello delle Politiche agricole, dagli assessorati regionali al Turismo al Comando generale delle Capitanerie di Porto-Guardia costiera, fino all’Ispra e ai sindacati balneari). “Bandiera Blu è simbolo di quell’impegno profuso dalle amministrazioni comunali a favore di una conduzione sostenibile del territorio; un fine che la Guardia Costiera condivide e persegue con professionalità ed impegno”, osserva l’Ammiraglio Felicio Angrisano, Comandante Generale delle Capitanerie di Porto.

 

Le Bandiere Blu sono per i comuni un punto di forza: secondo una ricerca interuniversitaria realizzata dagli atenei di Urbino e di Perugia infatti «per il 94% dei comuni ci sono vantaggi per il rafforzamento dell’immagine” e “l’88% ha riscontrato un aumento di soddisfazione da parte dei turisti».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP