WHATSAPP: 349 88 18 870

Catania, movida “cenerentola” dalle 00:30 stop alla musica

Catania, movida “cenerentola” dalle 00:30 stop alla musica

Da ieri tavoli in strada, pedane e strumenti unplugged. L’amministrazione tenta il rilancio dei centro storico con nuove regole per pub e ristoranti
Catania, movida “cenerentola” dalle 00:30 stop alla musica
CATANIA - La stagione dei Caffè Concerto si è avviata ufficialmente ieri, ma nella sede della direzione Attività Produttive si continua a lavorare a ritmo serrato per rilasciare le autorizzazioni all’utilizzo del suolo pubblico. Domande che gli esercenti potranno continuare a presentare ma che, prima del via libera, dovranno essere analizzate da un Tavolo tecnico composto da rappresentanti delle direzioni Attività produttive, Ecologia, Cultura e Polizia municipale. «E’ un mondo complesso che si mette in movimento - sottolinea l’assessore alla Attività Produttive, Angela Mazzola - e racchiude diversi aspetti che vanno dalla sicurezza alla gestione della viabilità sino a quella dei parcheggi con il conivolgimento di diversi assessorati tutti al lavoro. Questa stagione abbiamo apportato diverse novità importanti che riguardano il via libera all’unplugged, ma senza percussioni, e il mantenimento h24 delle pedane che rispettano pienamente le regole del codice della strada. Adesso speriamo che le condizioni meteo siano dalla nostra parte e che si possa lavorare al meglio».   Le regole più importanti riguardano i criteri di amplificazione, gli orari della cessazione della musica, la chiusura dei locali e l’esclusione dall’area dei Caffé concerto di un tratto della via dei Crociferi da piazza San Francesco d’Assisi a via Antonino di Sangiuliano, perché sottoposta a tutela storica e monumentale. L’orario della concessione di suolo pubblico è stato stabilito dalle 20 alle 2 del mattino. Dall’amplificazione, realizzata con un unico impianto, sono esclusi gli strumenti a percussione.   I controlli per il rispetto della quiete pubblica saranno serrati, l’Amministrazione comunale ha previsto squadre dotate di apparecchiature (fonometri) che controlleranno i parametri sulle emissioni sonore; i locali dovranno rispettare il limite di decibel previsto dalla normativa: 65 dalle 20 alle 22 e 55 dalle 22 alle 0,30, quando la musica dovrà cessare del tutto. Nelle aree Ztl, infine, così come richiesto da anni dai residenti dovrà essere garantito il passaggio di mezzi di soccorso e di vigilanza lasciando liberi almeno tre metri di carreggiata e l’accesso dei residenti alle proprie abitazioni e ai garage.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa