WHATSAPP: 349 88 18 870

Sbarcati a Catania oltre mille migranti

Sbarcati a Catania oltre mille migranti Alfano: «Insopportabile l’odio verso il Sud»

Cresce la polemica sull’accoglienza dei profughi in Italia

E' polemica sull’accoglienza dei profughi in Italia FOTO - VIDEO

Sbarcati a Catania oltre mille migranti Alfano: «Insopportabile l’odio verso il Sud»

Mentre continuano senza sosta i viaggi della disperazione verso l’Italia di migliaia e migliaia di profughi in fuga da guerre e povertà, cresce la polemica fra Nord e Sud sull’accoglienza dei migranti dopo che il governatore Maroni - al quale si è accodato il collega del Veneto, Zaia - ha minacciato i sindaci lombardi tagliare lori i fondi se accetteranno nelle loro città nuovi trasferimenti. «Chiediamo un’equa distribuzione dei migranti in Italia, così come in Europa ed è un atteggiamento insopportabile di odio verso il sud dire ad alcune regioni «sbrigatevela da soli» ha tuonato oggi il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, commentando le posizioni dei governatori leghisti.  

 

Oggi il governatore Maroni ha rincarato la dose: «Ho messo il dito nella piaga. I temi dell’accoglienza e dell’immigrazione sono stati gestiti in modo pessimo dal governo» ha detto. «Il ministro Alfano dice che vuole fare come ho fatto io. Benissimo. Io avevo fermato gli sbarchi dopo la primavera araba, cominci a fare questo», ha aggiunto a margine dell’Assemblea 2015 di Confcommercio, a Rho-Fiera.  

 

Alfano dal canto suo ha inviato Maroni a «non sbianchettare la sua biografia» e poi è tornato a parlare dell’emergenza migranti. «È difficile immaginare che ventiquattromila migranti via dall’Italia in due anni siano una cifra giusta e che questi debbano essere solo eritrei o siriani» ha spiegato commentando la proposta europea di redistribuzione dei richiedenti asilo. «La proposta - ha proseguito - dimostra che la Commissione non ha intenzione di lasciare sola l’Italia, ma, allo stesso tempo, non siamo pienamente soddisfatti dei risultati e lavoreremo per ottenere di più e confermare che il meccanismo di solidarietà deve essere presente in tutti i Paesi».  

 

Il premier Matteo Renzi dice di capire «la riflessione del ministro Alfano» sull’odio verso il Sud «perchè è una riflessione che nasce da un dato di fatto e cioè che la Sicilia da sola ospita un quinto degli immigrati arrivati in Italia. Per cui è comprensibile che i primi ad essere coinvolti da questi sbarchi siano proprio le regioni del Sud. Ma non parlerei di uno scontro interno al nostro Paese anzi dobbiamo fare in modo che questa diversa di sensibilità sia risolta». Il premier risponde anche al governatore Maroni, che ha minacciato la riduzione dei trasferimenti regionali ai Comuni che accolgono migranti. «La decisione di dividere i migranti per le varie regioni - attacca il premier - è stata presa dal ministro Maroni: serve buonsenso». E ribalta quindi la minaccia del presidente della Lombardia: «Dobbiamo dare incentivi, anche nel patto di stabilità, a quei Comuni che ci danno una mano» nel gestire l’accoglienza dei migranti.  

 

Al porto di Catania sbarcati 1.143 profughi

Intanto, mentre nel Canale di Sicilia proseguono i soccorsi a barconi in difficoltà, è giunta al porto di Catania la nave “Bulwark” della Marina militare inglese con a bordo 1.143 profughi, tra cui 47 minori e 117 donne. Tra le prime ad essere sbarcate e assistite nove donne in stato di gravidanza. I migranti sono stati tratti in salvo, ieri, in otto distinte operazioni di soccorso al nord della Libia, dalla nave Bulwark e da un’altra nave italiana, l’unità Fasan della Marina militare. Sul molo di Mezzogiorno sono stati attivati i presidi delle forze dell’ordine, delle associazioni di volontariato, della Caritas, della Guardia Costiera, sotto il coordinamento della Prefettura di Catania.  

 

video di Davide Anastasi

 

 

Arriva anche a Lampedusa dove sono 219, fra cui 80 donne e 37 minori, i migranti sbarcati, dopo essere stati salvati da una nave inglese nel canale di Sicilia. Il gruppo è stato portato al centro d’accoglienza dove, al momento, si trovano 705 persone. In mattinata 250 migranti erano stati trasferiti, con il traghetto di linea, a Porto Empedocle (Ag) dove giungeranno in serata. I 250 subsahariani saranno portati al centro d’accoglienza “Villa Sikania” di Siculiana.  

 

Invece il gruppo di 150 dei 212 ospiti del centro d’accoglienza “Villa Sikania” di Siculiana è stato trasferito con dei pullman verso Rovigo, Treviso e Belluno.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

Palermo, libica fermata per terrorismo

 
I controlli antiterrorismo a Catania

 

nome_sezione

Comiso, ecco il piromane del Comune

 
Santa Maria di Licodia: scardinano bancomat: arrestati

 
La contestazione degli studenti

 

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa