WHATSAPP: 349 88 18 870

Alfano: «Non ho il potere di revocare l’appalto del Cara di Mineo»

Alfano: «Non ho il potere di revocare l’appalto del Cara di Mineo»

Alfano: «Non ho il potere di revocare l’appalto del Cara di Mineo»
ROMA - «Non sussistono in capo a nessun organo del ministero dell’Interno poteri di revoca dell’affidamento della gestione del Cara di Mineo». Lo ha detto il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, al question time, sottolineando che il Viminale continuerà «a vigilare con attenzione sulle irregolarità» che dovessero emergere. «La vicenda - ha ricordato Alfano - nasce nel 2011, quando fu dichiarato lo stato di emergenza per l’immigrazione e fu indicato come soggetto attuatore per il centro di Mineo il presidente della Provincia di Catania: il ministro dell’Interno era Roberto Maroni. Poi - ha proseguito - si fece la convenzione con il Consorzio Calatino: ministro era diventata Anna Maria Cancellieri».   «Nè durante l’emergenza, nè dopo - ha sottolineato il ministro - il ministero avuto un ruolo in questo iter e, del resto, la convenzione sottoscritta esclude la responsabilità della prefettura». È infatti al Consorzio, ha rilevato, «che si rivolge il presidente dell’Anticorruzione Raffaele Cantone» con i rilievi sull’illegittimità della gara d’appalto, «ma il Consorzio in risposta ha confermato la sua aggiudicazione. A questo punto Cantone mi ha informato ed io ho chiesto riscontri al prefetto di Catania».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa