home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Davide Stival ricorda il figlio Loris«Un angioletto volato in cielo»

Davide Stival ricorda il figlio Loris «Un angioletto volato in cielo»

Domani il piccolo di Santa Croce Camerina - che secondo la Procura è stato ucciso dalla madre - avrebbe compiuto nove anni. Il padre scrive una lettera aperta

Davide Stival ricorda il figlio Loris «Un angioletto volato in cielo»

RAGUSA - «Voglio ricordare» mio figlio così «come è sempre stato: contento con tutti i suoi compagni e felice con il suo adorato fratellino piccolo», adesso è «un angioletto volato in cielo». Così Davide Stival, in una lettera aperta all’Ansa, ricorda suo figlio Loris, che domani avrebbe compiuto nove anni. Il bambino è stato assassinato il 29 novembre del 2014 a Santa Croce Camerina, nel Ragusano. Per il delitto è detenuta la madre, Veronica Panarello, accusata di averlo strangolato con delle fascette di plastica e di averne poi gettato il corpicino in un canalone di contrada Mulino Vecchio. La donna si è sempre proclamata innocente. Il marito, che all’inizio l’ha difesa, da tempo ha preso le distanze dalla moglie.  

 

Al centro dell’inchiesta la ricostruzione del giorno della scomparsa di Loris: Veronica Panarello ha sempre detto di averlo accompagnato a scuola, ma le riprese delle telecamere posizionate vicino casa e all’istituto, visionate da polizia di Stato, squadra mobile e carabinieri, sembrano smentirla. Al centro del procedimento indiziario, avviato dalla Procura di Ragusa, ci sono quelle che i Pm definiscono “le bugie di Veronica”. Nel provvedimento di custodia cautelare, emesso dal Gip, e confermato dal Tribunale del riesame di Catania e dalla Cassazione, si legge che «la donna mente per salvare se stessa».  

 

Sarebbe stata lei, con freddezza, a strangolarlo e poi a fare scomparire il cadavere. Accuse sempre respinte dall’indagata, detenuta nel carcere di Agrigento, che, assistita dall’avvocato Francesco Villardita, continua a proclamarsi innocente.

 

Resta il “giallo”, con una certezza: domani il bambino avrebbe compiuto 9 anni, e suo padre ha voluto ricordarlo con un messaggio, reso noto dal suo legale, l’avvocato Daniele Scrofani. «Nel giorno del suo compleanno - scrive il papà di Loris - voglio ricordare mio figlio così come è sempre stato: contento con tutti i suoi compagnetti e felice con il suo adorato fratellino piccolo. Loris, vi volevate tanto bene, e come fratello maggiore ti sei sempre preso cura di lui. Adesso sei un angioletto speciale volato in cielo».  

 

«Ti sentiamo vicino - aggiunge Davide Stival - ed è per questo che il tuo nome è sempre presente tra di noi. Ci sono sere che guardo il cielo con il tuo fratellino che mi dice: “guarda papà quante stelle”. Tra quelle la più luminosa sei tu, che ci guidi in questo cammino e dai a tutti noi la forza di andare avanti. Sei e resterai sempre presente nei nostri cuori. Auguri per il tuo compleanno - conclude Davide Stival - Il tuo papà».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa