WHATSAPP: 349 88 18 870

Adrano: chiuso anche il 3° spaccio alimentare, 35 i licenziamenti

Adrano: chiuso anche il 3° spaccio alimentare, 35 i licenziamenti

Dopo quelle di contrada Naviccia e di viale Dei Fiori di Biancavilla, ieri saracinesche abbassate anche nel centralissimo punto vendita adranita, per i 35 dipendenti già avviate la procedure per il licenziamento
Adrano: chiuso anche il 3° spaccio alimentare, 35 i licenziamenti
ADRANO - Ha chiuso anche il punto vendita di via Cappuccini di Adrano di “Spaccio alimentare”. Dopo quelle di contrada Naviccia e di viale Dei Fiori di Biancavilla, ieri saracinesche abbassate anche nel centralissimo punto vendita adranita, l’amaro annuncio nel cartello affisso dalla proprietà nelle vetrate dell’esercizio commerciale: “chiuso per cessata attività”. Per i 35 dipendenti già avviate la procedure per il licenziamento. Ma i lavoratori, che sabato scorso avevano proclamato lo sciopero, ieri mattina si sono recati in via Cappuccini per mettersi a disposizione dell’azienda, considerato che non hanno ancora ricevuto nessuna comunicazione ufficiale, cosi come hanno scritto nel telegramma inviato all’azienda nel quale aggiungono che «i lavoratori iscritti al sindacato Snalv Confsal attendono formali disposizioni».   Ieri con i lavoratori Vincenzo Sanflippo e Antonio Santonocito, dello Snalv Confasal; sindacato che lamenta di non essere riconosciuto dall’azienda, nonostante sia stato accanto ai dipendenti. La Confsal chiede di partecipare agli incontri e che le istituzioni si facciano garanti della vertenza al tavolo della prefettura. In mattinata i lavoratori hanno letto con emozione una lettera, nella quale, tra l’altro si legge: «Siamo amareggiati. Negli ultimi anni di difficoltà, l’azienda è stata agevolata; pur di mantenete i posti di lavoro abbiamo accettato conciliazioni periodiche (perdita di denaro) e tanta sofferenza, si usufruiva dello stipendio quando vi era disponibilità. Nonostante ciò si lavorava con coraggio mettendo le nostre famiglie in difficoltà. Lotteremo per cercare soluzioni magari impegnando altri imprenditori».   Dal canto suo la proprietà con una nota di Flag srl, scrive, tra l’altro: «Ai lavoratori va la nostra solidarietà e comprensione. Tra questi vi sono anche i componenti della famiglia Salanitro; non era possibile continuare, neanche per un brevissimo periodo, poiché la crisi avrebbe solo aggravato la situazione. Attiveremo le misure, compresa la mobilità, qualora sia possibile. Precisiamo che è stata avviata la procedura di licenziamento collettivo, con comunicazione alle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative del settore commercio (Cgil-Cisl-Uil), poiché al momento dell’avvio alcun lavoratore risultava avere conferito delega sindacale». Nel pomeriggio hanno incontrato i lavoratori a palazzo Bianchi il sindaco di Adrano, Pippo Ferrante, quello di Biancavilla, Pippo Glorioso, e sindacalisti Confsal.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa