WHATSAPP: 349 88 18 870

Da Windjet agli alberghi al Catania calcio

Da Windjet agli alberghi al Catania calcio Il brusco atterraggio di Nino Pulvirenti

Lui: ”Dimostrerò la mia innocenza” / Bufera anche sul Messina

Da Windjet agli alberghi al Catania calcio Il brusco atterraggio di Nino Pulvirenti

Alberghi, supermercati, persino una compagnia aerea. Ma soprattutto calcio. La sua vera, grande passione. Antonino Pulvirenti, 53 anni, catanese, da stamane agli arresti domiciliari nell’ambito di un’inchiesta su presunte gare comprate, deve la propria notorietà al mondo del pallone. Quel mondo che frequenta da vent’anni, da quando cominciò la sua avventura tra i dilettanti con il Belpasso, centro etneo nel quale Pulvirenti avvia la sua attività.

 

Nel ‘99 lo sbarco tra i professionisti con l’Acireale, alla cui guida Pulvirenti resta sino al 2004 festeggiando una promozione in C1 prima di salutare gli acesi per rilevare il Catania dalla famiglia Gaucci. Il grande salto nel calcio che conta, culminato con la promozione in A dei rossazzurri nella stagione 2005–2006, coincide con una crescita imprenditoriale articolata tra hard discount (Fortè, catena molto diffusa in Sicilia), alberghi di lusso a Taormina, società di ristorazione e anche una compagnia aerea low cost: la Wind Jet. Sono gli anni migliori, in campo e fuori.

 

BUFERA ANCHE SUL MESSINA

 

Il Catania inanella la serie più lunga di permanenza in Serie A (otto stagioni) e batte il record societario di punti nel massimo campionato (56) mentre Pulvirenti si gode la nascita di Torre del Grifo, moderno centro polifunzionale alle pendici dell’Etna nonchè nuovo quartier generale rossazzurro, diventando anche consigliere federale. Ma le difficoltà sono all’orizzonte. Anche qui, in campo e fuori. Meglio: prima fuori, poi in campo. Wind Jet va in crisi e nell’agosto 2012 è costretta a sospendere i voli, due anni dopo è il Catania a retrocedere in B avviando un declino proseguito con la salvezza raggiunta solo in extremis nell’ultima stagione cadetta e culminato oggi con un arresto che pone lunghe ombre sul futuro del calcio rossazzurro.

 

Accuse respinte: “Abbiamo la massima fiducia nella magistratura catanese – afferma l’avvocato del presidente Pulvirenti, il professore Giovanni Grasso – il presidente è certo di poter dimostrare la sua totale estraneità ai fatti. Il presidente – annuncia il legale – intende prendere delle decisioni immediate sul suo ruolo nella Società Calcio Catania spa, al fine di potersi difendere con la massima serenità e di salvaguardare gli interessi della società sportiva”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa