home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

La Sicilia isola delle frodi: conti e carte sotto la morsa della pirateria

La Sicilia isola delle frodi: conti e carte sotto la morsa della pirateria

Nel 2014 sono stati registrati 3.343 episodi: una cifra che colloca la regione in seconda posizione, dopo la Campania, nel ranking nazionale. Palermo e Catania le città più tartassate dalla criminalità cifrata

La Sicilia isola delle frodi: conti e carte sotto la morsa della pirateria

Le frodi creditizie censite in Italia nel 2014 sono state circa 25.500, in aumento sia per casi attestati che per importo meno frodato. e carte Conti correnti e carte di credito sempre più sotto la morsa della pirateria informatica, che affina i propri mezzi approfittando anche di un’informazione generale lacunosa e spesso non adeguata. D’altronde il sistema dei pagamenti virtuali è un settore in netta crescita, sempre più cittadini abbandonano il contante e approfittano dell’ampia varietà di prodotti offerti dal mercato. La possibilità di avvalersi del servizio di confronto tra carte di credito di supermoney.eu e di altri comparatori del settore offre ulteriori strumenti ai cittadini italiani che, tuttavia, non sempre sono in grado d tutelare i propri interessi economici.  

 

Frodi creditizie: un volume d’affari da 171 milioni di euro  

A fare il punto sulla questione frodi creditizie è stato il nuovo rapporto annuale di Crif, che ha messo in luce come, a tutto il 2014, in Italia gli episodi di truffe a conti correnti a carte siano stati in tutto circa 25.500, con un costo per la società di consumatori pari a 171 milioni di euro. Tra le tecniche messe a punto dai truffatori, phishing e vishing sono gli espedienti truffaldini più utilizzati.  

 

Sicilia record: 3.343 casi  

Nell’arco di tutto il 2014, in Sicilia sono stati attestati 3.343 episodi di frode creditizia, una cifra record che ci colloca in seconda posizione nel ranking nazionale, secondi solo alla Campania. Tra le città, Palermo è risultata essere la città siciliana più tartassata dalla criminalità cifrata, con 1.109 casi accreditati. Il capoluogo si piazza in terza posizione a livello nazionale per numero di frodi. A fargli compagnia c’è anche un’altra provincia siciliana, Catania, quinta a livello nazionale con 838 truffe.  

 

A Siracusa e Agrigento gli aumenti più preoccupanti  

A livello regionale, la terza provincia più bersagliata dalle frodi creditizie è stata Messina, nettamente distante però dai volumi di Palermo e Catania e colpita da 324 casi. Per ciò che riguarda le altre città, a Siracusa sono stati segnalati 289 casi, seguono Agrigento e Trapani (entrambe con 227 episodi di truffa), Caltanissetta (136), Ragusa (132) e infine Enna, la più virtuosa con ‘soli’ 61 episodi registrati.   Siracusa è la città siciliana in cui il numero di frodi creditizie ha registrato l’incremento maggiore: rispetto al 2013, i casi attestati sono aumentati, infatti, del 22,5%. Nella speciale graduatoria a Siracusa segue Agrigento, con un’incidenza stimata al +15% rispetto alle rilevazioni dell’anno scorso.  

 

Sotto assedio i prestiti finalizzati  

A livello nazionale, il 78,3% delle truffe ha riguardato i prestiti finalizzati e un ulteriore 11,4% interessa i prestiti personali. A rischio anche le carte di credito, colpite nel 7,5% dei casi. La restante parte è suddivisa tra carte revolving, fido dei conti correnti, leasing auto e mutui. Preoccupante anche notare come in 1 caso su 10 trascorrano più di 5 anni tra il perpetrarsi della truffa e il suo riconoscimento da parte della vittima, sebbene oltre un terzo delle truffe venga rilevato entro i primi 6 mesi.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa