home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

I consigli del Codacons per combattere il caldo

I consigli del Codacons per combattere il caldo

Per il caldo Francesco Tanasi segretario nazionale Codacons rivolge un appello ai medici di famiglia affinché visitino, anche se non chiamati, i loro pazienti più a rischio, con particolare riferimento ad anziani e a persone che vivono sole.   «Si tratta di fare poche cose, misurare la pressione, ritarare il dosaggio di alcuni farmaci, dare consigli su come fronteggiare il caldo. Poche cose, che possono essere però essenziali per salvare la vita agli anziani» commenta Tanasi che dà alcuni suggerimenti, in particolare proprio agli anziani, per affrontare il problema dell’afa.   Bere molto, almeno due litri d’acqua al giorno (10 bicchieri), ad intervalli regolari, nel corso di tutta la giornata (anche di notte se vi svegliate). Fare pasti leggeri e frequenti. Mangiare frutta fresca e verdura cruda. Preferire i carboidrati come la pasta ai cibi ricchi di grassi e condimenti. Arieggiare la casa il più possibile durante le ore fresche. L’umidità deve essere intorno al 60%. La temperatura per avere un ambiente climatizzato ideale ed evitare problemi di salute deve essere compresa tra 23 e 26 gradi (24/25 è l’ideale). Gli impianti di condizionamento non vanno tenuti al massimo: bisogna accenderli solo nelle ore più calde. Di notte sarebbe preferibile accenderli due ore prima di andare a dormire per poi tenerli spenti durante la notte.   Evitare correnti d’aria e sbalzi di temperatura repentini che possono provocare raucedine, raffreddore, mal di gola, dolori articolari, bronchiti. La differenza con l’esterno o tra una stanza e l’altra non deve mai superare i 4-5 gradi. Se vostro figlio vi fa viaggiare con il climatizzatore in auto - ricorda Tanasi - ricordategli che passare da 21 a 40 gradi esterni può sottoporre un cardiopatico al rischio di infarto. In auto è consigliabile, poco prima di fermarsi, rialzare gradatamente la temperatura interna.   Occorre poi tenere sempre con sé una bottiglia d’acqua. Non uscire se possibile nelle ore più calde dalle 12 alle 17 (o anche più tardi perché l’aumento dell’umidità che si ha con il calar del sole aumenta la sensazione di calura anche ben oltre le 17). In ogni caso cercate di ridurre l’attività fisica ed evitate l’esposizione diretta al sole. Usate filtri solari per difendere la pelle dalle scottature. Usare abiti in fibre naturali come il cotone ed il lino (migliori della seta), di colore chiaro (respingono le radiazioni termiche) e larghi; gli abiti con tessuti sintetici non sono adatti perché non fanno traspirare e possono provocare allergie. Utile bagnarsi spesso con acqua per abbassare la temperatura corporea. Una doccia è ideale per rinfrescarvi. Se si prendono farmaci consultare il medico per un controllo. Se si avverte mal di testa, debolezza, sensazione di svenimento, crampi, vista annebbiata o febbre, chiamate subito aiuto, un vicino o un parente. Ultime raccomandazioni. Non restare mai soli.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa