WHATSAPP: 349 88 18 870

A19, camion in fiamme lungo la Statale 643

A19, Camion in fiamme lungo la Statale 643 Interrotta anche la deviazione, traffico in tilt

La polizia stradale: quel mezzo non avrebbe dovuto transitare

A19, Camion in fiamme lungo la Statale 643 Interrotta anche la deviazione, traffico in tilt

PALERMO - La già tortuosa e malmessa strada alternativa che consentiva di superare il blocco dell’A19 Palermo–Catania, dopo il crollo del viadotto Himera,  stamane è rimasto bloccata per l’incendio di un camion della ditta Fortè, al chilometro 21+200 della statale 643. Tre squadre dei vigili del fuoco lavorando per ore sotto il sole cocente per liberare la strada. Enormi i disagi alla circolazione. Anche perché ci sono volute più di otto ore per riaprire al traffico il tratto dell'autostrada A/19 (da Buonfornello in direzione Catania) chiusa per l'incendio del camion. Il tir distrutto dalle fiamme è stato rimosso, ma sono rimasti sull'asfalto resti bruciati di derrate alimentari, trasportate dal mezzo, che gli operai dell'Anas si sono premurati di rimuovere . In quel tratto il traffico è ancora a senso alternato per l'ultimazione delle operazioni di pulizia della carraggiata.

 

La polizia stradale sta intanto verificando se quel camion andato in fiamme potesse transitare sulla statale 643, che insieme alla 120 rappresenta l’unica via di collegamento tra Palermo e Catania. C’è un’ordinanza dell’Anas che recentemente ha rivisto il primo provvedimento emesso all’indomani del 10 aprile, quando alcuni piloni del viadotto Himera hanno ceduto. Secondo questo nuovo provvedimento possono transitare i mezzi che hanno una lunghezza massima di 12 metri.

 

Intanto, dopo l'incidente di questa mattina, il presidente dell'ente Parco delle Madonie Angelo Pizzuto ha deciso di chiedere al prefetto di Palermo Francesca Cannizzo di vietare il transito dei mezzi pesanti e dei pullman sulla statale 643 e sulla 120, la strada alternativa all'autostrada Palermo-Catania. «L'incendio del camion può essere considerato un incidente che ha bloccato il traffico per ore - scrive nella nota Pizzuto - ma la strada statale 643, che lo scorso 10 aprile quando si è verificato il cedimento dei piloni del viadotto Himera era chiusa al traffico per una serie di problematiche dovute a frane e smottamenti del passato che ne avevano compromesso la stabilità. La strada è stata riaperta in fretta e furia a seguito di opere di sagomatura e ricarica del fondo stradale realizzate dall'Anas per permettere la fruizione di questa alternativa sia all'ampio ventaglio di residenti madoniti che a tutti coloro che hanno la necessità di recarsi a Catania e viceversa».

 

 

Per il presidente del Parco la strada non è in grado di reggere la mole di traffico che si è riversata su quel tratto. «A causa della mancanza dei controlli invece la statale 643 è regolarmente percorsa da tir che, oltre a mettere in grave pericolo il traffico veicolare leggero, sta fortemente pregiudicando l'integrità delle strade - aggiunge Pizzuto - Inoltre appare illogica la percorrenza di tale strada da parte dei bus di linea che non fanno altro che intasare la strada a causa della ristrettezza delle corsie, senza regolamentazione e senza orari, che sta ulteriormente pregiudicando l'integrità del manto stradale e la sua stratificazione». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa