WHATSAPP: 349 88 18 870

Fontanarossa, nuova area di sosta per far fronte a vecchie emergenze

Fontanarossa, nuova area di sosta per far fronte a vecchie emergenze

Stamani a Fontanarossa ha aperto i battenti una struttura capace di ospitare 2.200 autovetture, utile in tutti i mesi dell’anno, ancora di più d'estate, quando il traffico aereo raggiunge livelli elevati FOTO

Fontanarossa, nuova area di sosta per far fronte a vecchie emergenze

Un nuovo parcheggio per vecchie esigenze. Anzi, emergenze. Stamani, alle 10,30, a Fontanarossa, ha aperto i battenti una struttura capace di ospitare ben 2.200 autovetture, utile in tutti i mesi dell’anno, sicuramente ancora di più nel periodo estivo, quando il traffico aereo raggiunge i livelli più elevati. E, quindi, ai passeggeri in partenza da Catania può anche capitare di dovere compiere più di un giro per trovare posto in uno dei tre parcheggi aperti al pubblico, uno dei quali in atto interessato da lavori di ampliamento; un quarto, invece, accoglie solo veicoli delle società di noleggio. Il nuovo parcheggio verrà inagurato stamani dal sindaco, Enzo Bianco, e dal presidente dell’Azienda municipalizzata trasporti, Carlo Lungaro.  

 

La cerimonia è stata preceduta da una conferenza stampa di entrambi, che si è tenuta nella sala di attesa della struttura nuova di zecca. Nel corso dell’incontro è stato illustrato, innanzitutto, come verranno utilizzati i 2.200 posti disponibili. E, poi, le tariffe che verranno praticate, a seconda della tipologia di sosta, nonché i collegamenti garantiti, attraverso un servizio di navette, per l’aeroporto e con gli autobus di linea. Quello gestito dall’Azienda municipalizzata trasporti, sarà un cosiddetto “parcheggio scambiatore”, in quanto consentirà di lasciare la propria automobile per, poi, recarsi nelle zone a sud e al centro della città attraverso i bus di linea. E qui, ovviamente, farà tappa l’Alibus, il mezzo pubblico destinato a coloro che devono recarsi all’aeroporto oppure fare rientro dal medesimo.  

 

Il parcheggio, costruito dal Comune di Catania, grazie ad un cofinanziamento della Protezione civile, è strategico proprio per la vicinanza all’aerostazione, poche centinaia di metri. E, a giudicare dai movimenti che tradizionalmente si registrano nella stagione più calda, non dovrebbe faticare a “trovare” clienti, posto che capita con sempre maggiore frequenza che i viaggiatori in partenza incontrino serie difficoltà nel lasciare le loro automobili.  

 

E non sono mancati episodi, con protagonisti alcuni ritardatari, che hanno perso l’aereo per la difficoltà incontrata nel trovare posto in uno dei parcheggi. Casi, per fortuna isolati, che attraverso l’apertura della nuova struttura difficilmente potrebbero ripetersi, a prescindere dalla consistenza del traffico. L’emergenza di cui si diceva, insomma, sembra destinata a sparire. E, in questo senso, non dovrebbe più ripetersi quella che si è registrata nei giorni scorsi, quando - per ragioni che non sono state annunciate o spiegate - due parcheggi su tre erano chiusi. Si sono vissuti momenti di forte caos, considerato che solo un parcheggio risultava essere attivo; varchi sbarrati, invece, negli altri due che, inspiegabilmente, erano vuoti ed i cui ingressi apparivano “presidiati” da birilli. Ma nessuno aveva voglia di giocare.

FOTO

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa