WHATSAPP: 349 88 18 870

Università, niente test di ingressose si proviene da un ateneo estero

Università, niente test di ingresso se si proviene da un ateneo estero

La Giustizia amministrativa ha accolto il ricorso di alcuni studenti iscritti nelle università straniere e che non potevano continuare i loro studi in Italia per via del test d’ingresso

Università, niente test di ingresso se si proviene da un ateneo estero

”Un altro colpo al numero chiuso: l’Italia ‘tornà in Europa. Il test di ingresso in Romania, Francia o Spagna equivale a quello in Italia”. E’ il risultato, secondo l’avvocato Santi Delia, di una sentenza del Cga di Palermo, secondo cui il test d’ingresso per accedere ai corsi di laurea italiani non vale più del percorso di studi all’estero e che pertanto chi ha già avviato un corso possa proseguirlo in Italia, senza passare dallo “sbarramento”. Santi Delia e il collega Michele Bonetti avevano curato il ricorso di alcuni studenti iscritti in atenei di altri paesi che volevano continuare gli studi in Italia, ma erano “bloccati” dal test d’ingresso. Secondo il Cga la “disciplina dettata dall’art. 4 della legge n. 264/1999 è relativa esclusivamente alla materia della prima ammissione degli studenti agli studi in questione e non anche perciò di quella di coloro che già lo siano stati e chiedano ora di proseguirli producendo uno specifico curriculum studiorum, la cui esistenza – se non è ovviamente prova, di per sé, di adeguata preparazione – è prova tuttavia di una attitudine agli studi medici, almeno non diversa da quella verificata attraverso i test italiani di ammissione, calibrati come essi sono ad accertare tale attitudine sulla base della formazione conseguita negli studi secondari superiori”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa