WHATSAPP: 349 88 18 870

Modica, ruba carburante da cavaIncastrato da telecamere Polizia

Modica, ruba carburante da cava Incastrato da telecamere Polizia

Denunciato un 55enne di Scicli che pochi giorni prima aveva anche consegnato la sua foto al Commissariato per ottenere il porto di fucile. E’ bastato fare il confronto tra le immagini e la foto per identificarlo e denunciarlo / VIDEO

Modica, ruba carburante da cava Incastrato da telecamere Polizia

Prima presenta in commissariato la documentazione – comprensiva di foto – per ottenere il porto di fucile. Poi va a rubare, di notte, carburante dai mezzoi di una cava d’argilla. E’ bastato alla polizia confrontare quella foto e le immagini di una telecamere per risalire subito a lui. La polizia ha così denunciato un uomo di 55 anni di Scicli. Tutto è cominciato alcune settimane fa quando un imprenditore modicano si è rivolto alla Polizia denunciando i continui furti di carburante da ruspe, scavatori e cingolati presenti in una cava di estrazione di argilla alla periferia di Scicli.

VIDEO

Il Commissariato di Modica, ha avviato le indagini e solo dopo pochi giorni dalla denuncia, è stato individuato l’autore dei numerosi furti. Gli investigatori hanno infatti identificato il ladro grazie alle riprese eseguite da una microtelecamera che era stata occultata tra le sterpaglie, proprio nelle vicinanze dei mezzi presi di mira. Le riprese mostravano chiaramente la dinamica del furto e l’abilità con cui l’uomo di mezz’età, dopo aver effratto il lucchetto del cancello, riusciva ad entrare nel cantiere e, indisturbato, aspirare con un tubo il carburante dai mezzi, riempiendosi i bidoni.

 

Le immagini della telecamera indirizzavano i sospetti della Polizia verso il 55enne di Scicli, incensurato, che proprio poco tempo prima aveva fatto richiesta al Commissariato per ottenere il rilascio del porto fucile; la comparazione delle immagini registrate dalla microtelecamera con la foto presente nella documentazione presentata alla Polizia Amministrativa, non lasciavano alcuna ombra di dubbio sulla sua identità. A casa dell’uomo è stato trovato parte del carburante, contenuto ancora all’interno di vari bidoni. L’uomo dovrà rispondere del reato di furto aggravato e continuato mentre la refurtiva è stata riconsegnata al legittimo proprietario.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa