WHATSAPP: 349 88 18 870

Crocetta ha scelto Antonio Fiumefreddo

Crocetta ha scelto Antonio Fiumefreddo e si difende dalle polemiche del Pd

«Basta con questa storia del cerchio magico, non esiste»
Crocetta ha scelto Antonio Fiumefreddo e si difende dalle polemiche del Pd
Il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, sottoporrà agli alleati il nome dell’avvocato Antonio Fiumefreddo per la delega alle Attività produttive, ora nelle mani del governatore dopo le dimissioni di Linda Vancheri. Lo conferma lo stesso Crocetta, nonostante le polemiche di alcuni dirigenti del Pd contrari all’ingresso nell’esecutivo di Fiumefreddo.   «Le Attività produttive hanno bisogno di un grande rilancio, di una attenzione in più per le imprese, di maggiore trasparenza e di una verifica costante dei titoli necessari per l’accesso ai finanziamenti pubblici - dice Crocetta - Credo che Fiumefreddo sia un uomo chiave per la giunta e le scelte di governo che dobbiamo fare: questo non lo può mettere in discussione nessuno perché nel patto originario con i partiti il presidente aveva diritto a nominare due assessori e in atto tutti gli assessori sono espressione delle forze politiche». Il governatore insiste: «Nessuno può pensare di mettere in discussione il diritto del presidente di nominare almeno un assessore di propria espressione». Tuttavia, prosegue «non intendo fare questa nomina, e Fiumefreddo è d’accordo, come rottura del sistema politico». «Al rientro dalle ferie del segretario del Pd Fausto Raciti - conclude Crocetta - avrò un confronto con tutte le forze politiche e dentro questo quadro di consenso provvederemo a operare gli aggiustamenti in giunta necessari che consentano di arrivare a fine legislatura e prepararci a vincere le elezioni del 2017».   «Mi sono stancato con questa discussione sul cerchio magico, anche perché non esiste. Trovo incredibile che qualsiasi persona accanto a me venga bollata come cerchio magico, perché non gestisce un bel nulla. La mia vita dimostra che io sono antitetico a ogni forma di gestione del potere, faccio il presidente della Regione per governare in favore del popolo siciliano. È normale che scelga sulla base di sensibilità culturali e politiche che mi sono vicine e congeniali». Lo dice il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta.   «Il vero cerchio magico è quello di chi, da decenni, gestisce la sanità, gli appalti, le clientele e da troppo potere trae fonte di arricchimento - aggiunge - Nessuno può pensare che persone a me vicine facciano parte di un cerchio magico anche perché se invece sono vicine ad altri allora no, non si parla di cerchio magico». Per Crocetta questo «è uno schema inaccettabile e sono stanco di polemiche che rasentano il ridicolo, a volte ingenerose perché mettono in discussione personalità che si battono per la legalità e per le riforme».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa