home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

”Cinghiate a chi tentava di uscire dalla stiva”

”Cinghiate a chi tentava di uscire dalla stiva” I superstiti raccontano il viaggio dell’orrore

Traversata con 49 morti: "confronto" tra scafisti e migranti / VIDEO

”Cinghiate a chi tentava di uscire dalla stiva” I superstiti raccontano il viaggio dell’orrore

I poliziotti della Squadra mobile e i finanzieri del Gico di Catania hanno arrestato i sei presunti aguzzini del barcone nella cui stiva sono stati trovati morti 49 migranti soffocati dalle esalazioni dei gas di scarico e di carburante. La svolta c’è stata dopo l’incidente probatorio davanti a gip del Tribunale di Catania nel corso del quale sono stati sentiti alcuni dei migranti soccorsi il 15 agosto dalla nave Cigala Fulgosi della Marina Militare Italiana.

GUARDA IL VIDEO

Dinanzi al Gip i testimoni hanno ricordato quanto accaduto durante quel viaggio durato solo una notte, sufficiente per far perdere la vita ai loro compagni, e riconoscendo nelle persone fermate dalla Squadra Mobile e della Finanza, il comandante dell’imbarcazione e gli altri membri dell’equipaggio. i testi hanno delineato i ruoli di tutti i fermati, cinque libici, uno dei quali il comandante e due marocchini, quali componenti dell’equipaggio che avevano il preciso compito di condurre l’imbaracazione ma anche di mantenere l’ordine a bordo ed impedire ai migranti di salire dalla stiva sul ponte esterno, facendo ricorso ad atti di violenza caratterizzati da calci, pugni e colpi di cinghia contro chiunque tentasse di sporgere il capo oltre i pochi estretti boccaporti di accesso dalla parte inferiore alla parte superiore dell’imbarcazione.

 

“Quanto emerso durante le due udienze – spiegano poliziotti e finanzieri – conferma e al contempo cristallizza l’ipotesi accusatoria delineata dai nostri investigatori i quali, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Catania, ha permesso di raggiungere in tempi rapidissimi un importante risultato”.

 

Intanto, per 37 delle 49 salme è stato emesso il “nulla osta” al seppellimento, mentre per le altre 12 salme sono in corso gli esami autoptici per ulteriori e più approfonditi accertamenti. Le cause del decesso verosimilmente sono riconducibili all’assenza di aria all’interno dell’angusta stiva le cui dimensioni, nella parte centrale, erano di circa 6 X 4 X 1,20 mt di altezza e diminuivano procedendo sia verso poppa che verso prora. Nella stiva coercitivamente erano stati sistemati solo uomini in base alla loro nazionalità: Bangladesh, Pakistan e per ultimi, a poppa,i sub–sahariani. Sul ponte erano stati sistemati siriani, libici e migranti del Maghreb, compresi donne e bambini.

 

Intanto è arrivata nel porto di Catania la nave militare croata Andrija Mohorovicic, impegnata nel dispositivo Frontex, con 218 migranti, compresi molti bambini e donne, provenienti da Siria, Somalia ed Eritrea. A bordo anche il corpo di un sudanese morto durante il viaggio della speranza sembra per cause naturali. La salma, su disposizione della Procura di Catania, è stata trasferita nell'obitorio dell'ospedale Garibaldi.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa