home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Valle dei Templi, proseguono le demolizioni

Valle dei Templi, proseguono le demolizioni E un proprietario ha anticipato le ruspe

Oggi va giù un ovile, ecco il programma / VIDEO

Valle dei Templi, proseguono le demolizioni E un proprietario ha anticipato le ruspe

Stanno proseguendo anche stamattina le demolizioni degli otto edifici abusivi costruiti all’interno della Zona A della Valle dei Templi. Oggi è stata la volta di un ovile, in contrada Poggio Muscello, anche se le operazioni si concluderanno in quattro giorno perché c’è anche da smaltire l’amianto della copertura. Lunedì, sempre a Poggio Muscello, era stato demolito un muretto di cinta. Non ci sarà però la terza demolizioni così come previsto dal cronoprogramma in via degli Imperatori a San Leone.

GUARDA IL VIDEO

Il proprietario ha infatti comunicato di avere demolito da sé l’abuso edilizio, un fabbricato di 60 metri quadrati. Una decisione presa soprattutto perché, consapevole che ormai le ruspe non si sarebbero fermate, ha risparmiato sui costi dell’abbattimento che poi gli sarebbero stati addebitati dal Comune. Infatti, la demolizione del manufatto era previsto per il prossimo 30 agosto, immediatamente dopo la demolizione dell’ovile di Contrada Poggio Muscello previsto a partire da oggi. Il proprietario della struttura ha comunicato alle autorità di aver già raso al suolo l’edificio ed eliminato i detriti.

 

Quindi si riprenderà l’11 settembre ancora in contrada Poggio Muscello, poi dal 12 al 24 settembre saranno abbattuti due fabbricati in via Afrodite, mentre il 25 si passerà in contrada Maddalusa e succesivamente in via Cugno Vela. Le demolizioni sono state possibili a due anni dal censimento dei fabbricati abusivi mai abbattuti, che sarebbero in tutto circa 650 e grazie agli ultimatum lanciati dalla Procura di Agrigento. Il Comune, di fatto, sta ottemperando a diverse sentenze passate in giudicato. Lo scorso 14 luglio, il procuratore aggiunto, Ignazio Fonzo, nell’ultimatum inviato al Comune, alla Soprintendenza e al Parco archeologico, aveva concesso un termine massimo 30 giorni di tempo per eliminare gli abusi.

 

“Si proceda con le demolizioni – aveva scritto il procuratore aggiunto Ignazio Fonzo – altrimenti l’autorità giudiziaria procederà per abuso d’ufficio ed omissione di atti d’ufficio a carico dei responsabili degli uffici degli enti competenti che impediscono il ripristino della legalità nella zona della valle dei templi”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa