home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Valle dei Templi, le demolizioni proseguono

Valle dei Templi, le demolizioni proseguono anche se una famiglia ha cercato di opporsi

Valle dei Templi, le demolizioni proseguono anche se una famiglia ha cercato di opporsi

Tensione nella Valle dei Templi dove una famiglia, proprietaria di un immobile, ha cercato di opporsi alla demolizione della propria villetta abusiva in contrada Maddalusa. L’immobile, relizzato in zona A, un’area ad inedificabilità assoluta, è abitata sia in estate che in inverno da una famiglia di 5 persone e rientra nell’elenco degli 8 manufatti abusivi per cui il Comune di Agrigento, dopo gli ultimatum della Procura della Repubblica, ha realizzato una gara d’appalto per la demolizione.

LEGAMBIENTE: "IMPORTANTE INVERSIONE DI TENDENZA"

La demolizione è stata sancita da una sentenza passato in giudicato da diversi anni. I mezzi e gli operai della ditta aggiudicataria, di Palma di Montechiaro hanno ritardato le operazioni anche perché la famiglia propriatria dell’immobile abusivo è “affiancata” dall’avvocato Giuseppe Arnone, che difende la famiglia agrigentina. Arnone, ex di Legambiente

e volto “noto” della lotta contro gli abusi edilizi nella Valle dei Templi, ma che da tempo è in polemica con la Procura di Agrigento, ha cercato di bloccare le ruspe. Degli otto manufatti abusivi, realizzati in zona “A” del parco archeologico, fino ad ora sono stati demoliti coattivamente un ovile e un muretto di cinta in contrada Poggio Muscello. Autonomamente, da parte dei proprietari, sono stati rasi al suolo un edificio di circa 60 metri quadrati in via degli Imperatori; un edificio che ospitava la cucina di un ristorante sulla collina tra via Cavaleri Magazzeni e Poggio Muscello e un magazzino di contrada Cugno Vela. Secondo il calendario, stilato dal Comune di Agrigento e trasmesso alla Procura della Repubblica, dopo la villetta di contrada Maddalusa, le ruspe, nei prossimi giorni, si sposteranno in via Afrodite, una traversa del viale Emporium a San Leone, ed abbatteranno le ultime due costruzioni abusive.

Per far rimuovere i manifestanti che si erano sdraiati davanti la villetta abusiva sono intervenuti poliziotti e carabinieri. Parenti e amici della famiglia proprietaria dell'immobile protestano contro il provvedimento di demolizione, che secondo l'avvocato Giuseppe Arnone, che ha assunto la difesa della famiglia Piraneo, sarebbe «vittima di una serie di atti illegali e arbitrari» scrive lo stesso avvocato. «Sono ancora componente del massimo organismo dell'associazione ambientalista, ossia Legambiente, ed in atto sono impegnato pure in importanti battaglie a difesa della Valle dei Templi», aggiunge Arnone. L'autista della ruspa, contro cui si sono scagliati alcuni manifestanti, ha spento il mezzo, rifiutandosi di procedere. L'operaio in questo momento si trova all'interno dell'abitazione con i funzionari del comune di Agrigento e con gli uomini delle forze dell'ordine.

 

Ma dopo la  mattinata di tensione, la ruspa è potuta entrare in azione. Il il mezzo meccanico ha però demolito soltanto una veranda di circa 24 metri quadrati e poi si è fermata. Domani dovrebbe arrivare una ditta specializzata per rimuovere le lastre di amianto e saranno necessari circa due giorni. Soltanto quando il manufatto sarà bonificato si continuerà la demolizione, che era stata anticipata rispetto a quanto pianificato inizialmente e questo perché alcuni proprietari di manufatti abusivi hanno proceduto autonomamente, senza attendere l'arrivo dei mezzi dell'impresa di Palma di Montechiaro (Agrigento) che si è aggiudicata l'appalto del Comune dopo l'ultimatum della Procura. 

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa