WHATSAPP: 349 88 18 870

Trivelle, l'Ars vota e dice noal referundum abrogativo in Sicilia

Trivelle, oggi le votazioni: in Sicilia è no al referundum abrogativo

La Sicilia non farà parte del gruppetto di Regioni che propongono il referendum abrogativo delle norme nazionali che regolano le autorizzazioni e gli espropri a scopo di prospezione per la ricerca e estrazione di idrocarburi nel sottosuolo

Trivelle, oggi le votazioni: in Sicilia è no al referundum abrogativo

Erano sbarcate a sala d’Ercole le proposte di referendum abrogativo sulle trivelle per la ricerca di idrocarburi, contro l’articolo 38 dello “Sblocca Italia” e l’articolo 35 del decreto Passera con la firma del presedente della quarta Commissione, Giampiero Trizzino (M5s).  

L’Assemblea regionale siciliana si è riunita oggi per votare la richiesta di referendum abrogativo delle norme nazionali che regolano le autorizzazioni e gli espropri a scopo di prospezione per la ricerca e estrazione di idrocarburi nel sottosuolo, previste nello “Sblocca Italia” e nel decreto Sviluppo.  

La Sicilia non farà parte del gruppetto di Regioni che propongono il referendum abrogativo delle norme nazionali che regolano le autorizzazioni e gli espropri a scopo di prospezione per la ricerca e estrazione di idrocarburi nel sottosuolo, previste nello “Sblocca Italia” e nel decreto Sviluppo. L’Assemblea regionale non ha raggiunto il quorum di 46 voti favorevoli (la maggioranza più uno dei parlamentari, pari a 90) per i due quesiti relativi all’art. 38 dello Sblocca Italia e all’art. 35 del decreto Sviluppo: il primo ha ottenuto 38 voti favorevoli, 16 contrari e 2 astenuti; il secondo 32 favorevoli, 15 contrari e 2 astenuti.

«Crocetta ed il Pd affossano i referendum. La Sicilia si genuflette a Renzi e ai petrolieri». Lo dice il presidente della commissione Ambiente dell’Ars, Giampiero Trizzino, commentando il voto dell’Assemblea che ha respinto la proposta di sostenere il referendum abrogativo degli art. 38 e 35 dei decreti Sblocca Italia e Sviluppo sulle trivellazioni.


«Non volevo credere ai miei occhi quando ho visto quasi tutti i deputati del Pd spingere il bottone rosso - afferma Trizzino - La nostra è l’unica Regione a spalancare le porte alle trivelle e alla distruzione dei nostri mari e delle nostre terre. Chi ha votato per prostrarsi al diktat del governo nazionale e agli interessi delle compagnie petrolifere dovrà risponderne ai cittadini».


Per il M5s «è un gesto vile che porterà altri danni ambientali nelle nostre terre e nei nostri mari». «Grazie a questo ignobile Pd, - aggiungono i 14 deputati M5s all’Ars - la Sicilia sarà l’unica Regione a non opporsi alle trivellazioni».
«Chi ha votato per prostrarsi al diktat del governo nazionale e agli interessi delle compagnie petrolifere dovrà risponderne ai cittadini», accusano i 5stelle che in una nota scrivono i nomi dei deputati che hanno votato contro il referendum: il presidente della Regione Rosario Crocetta, Mario Alloro (Pd), Giuseppe Arancio (Pd), Anthony Barbagallo (Pd), Antonello Cracolici (Pd), Giovanni Di Giacinto (Meg-Ps), Giuseppe Gennuso (Pds-Mp), Baldo Gucciardi (Pd), Pippo Laccoto (Pd), Salvatore Lo Giudice (Pdr), Giuseppe Lupo (Pd), Antonio Malafarina (Meg-Ps), Bruno Marziano (Pd), Antonella Milazzo (Pd), Franco Rinaldi (Pd), Paolo Ruggirello (Pd).

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa