WHATSAPP: 349 88 18 870

Dell’Utri chiede revoca condanna, dopo la sentenza Cedu su Contrada

Dell’Utri chiede revoca condanna, dopo la sentenza Cedu su Contrada

I difensori di Dell’Utri hanno preso spunto dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo che ha stabilito che Bruno Contrada non doveva essere condannato per concorso esterno in associazione mafiosa
Dell’Utri chiede revoca condanna, dopo la sentenza Cedu su Contrada
PALERMO - Lo spunto lo prendono dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo che, lo scorso 14 aprile, ha stabilito che l’ex numero due del Sisde Bruno Contrada non doveva essere condannato per concorso esterno in associazione mafiosa perché, all’epoca dei fatti contestati all’ex poliziotto, il reato non «era sufficientemente chiaro».   Un caso che i legali di Marcello Dell’Utri, ex senatore azzurro in carcere a Parma per scontare una condanna a 7 anni per lo stesso reato, ritengono identico a quello del loro assistito. Una sorta di “fratello minore”, spiegano. Tanto da chiedere alla corte d’appello che emise il verdetto di colpevolezza, poi confermato dalla Cassazione, di «revocare o dichiarare ineseguibile» la sentenza, a carico dell’ex manager di Publitalia.   L’istanza è stata depositata stamattina nella cancelleria della terza sezione penale e porta la firma degli avvocati Giuseppe Di Peri, Bruno Nascimbeni e Andrea Saccucci. La corte fisserà ora l’incidente di esecuzione che dovrà decidere sulla richiesta. L’udienza, che si terrà in camera di consiglio, verrà celebrata alla presenza della Procura generale e dei difensori.   La Corte europea dei Diritti dell’Uomo, divenuta definitiva il 14 settembre scorsoIl verdetto, per i legali dell’ex senatore, calzerebbe a pennello al loro assistito, condannato, come Contrada, per accuse relative a un periodo antecedente al ‘94. Per gli avvocati, dunque, i presupposti per una revoca della sentenza, che sarebbe illegale, ci sarebbero tutti. Accusato e condannato per i suoi rapporti con Cosa nostra, Marcello Dell’Utri, prima che la Cassazione si pronunciasse rendendo definitivo il verdetto di colpevolezza, tentò la fuga a Beirut dove venne scoperto da agenti della Dia. Il Libano concesse l’estradizione all’Italia e l’ex senatore venne arrestato e portato nel carcere di Parma dove è detenuto in regime di alta sicurezza.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa