home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

“Star Wars” l’attesa è finita: papà e figli in coda per il grande ritorno

“Star Wars” l’attesa è finita: papà e figli in coda per il grande ritorno

Da oggi nelle sale il settimo film della saga “Il risveglio della forza”. Proiezioni a tutte le ore
“Star Wars” l’attesa è finita: papà e figli in coda per il grande ritorno
CATANIA - Con indosso il suo costume da Darth Vader, Francesco Foti, 42 anni, catanese, stamattina farà parte dell’esercito di fan che ha atteso trepidante l’ultimo episodio della saga più amata. Ci ha messo anni, racconta, per realizzare armatura e maschera. Una riproduzione fedelissima, perfetta, curata in ogni dettaglio perché Foti è tra i fondatori del gruppo di customing della 501st Legion Italica Garrison. Con lui ci sarà anche Salvo Di Paola, 39 anni, che nel 2007 per partecipare alla prima Star Wars Europe Celebration, è volato fino a Londra: «Già dalla prima inquadratura, con l’incrociatore a triangolo che sfreccia si capisce che mai nulla di così grande, incredibile e ben realizzato c’era stato», dice entusiasta.   Che la forza sia con noi: Star Wars è tornato. Il settimo capitolo Il risveglio della forza- che vede di nuovo sullo schermo Harrison Ford, Carrie Fisher, Mark Hamill, i protagonisti della prima trilogia - ieri ha mandato in delirio i fan della premiere americana e da oggi sarà nei cinema italiani con oltre 850 copie.   Dopo otto anni di fidanzamento, in coda da una settimana davanti al cinema, Caroline e Andrew hanno deciso che questo fosse il momento migliore per sposarsi: sotto la benedizione della forza e vestiti con abiti a tema hanno detto sì davanti ad amici e parenti, tutti rigorosamente fan, ieri a Los Angeles. Non sorprendono quindi gli accampamenti degli irriducibili, né che in tutto il pianeta si passeggi - ovvio, no? - vestiti come i personaggi della serie, o che si mandino in tilt le prenotazioni, che due attrici (Lupita Nyong’o e Sophia Vergara) e una conduttrice tv ieri sul tappeto rosso avessero lo chignon come la principessa Leila, che un fan scriva sulla pagina fb: ho preso un biglietto in un posto appartato del cinema perché trovo disturbante la mancanza di fede delle nuove generazioni, che una copia del film sia a disposizione del nuovo equipaggio della Stazione Spaziale e che pure l’allenatore della Juve, Massimiliano Allegri, per commentare il sorteggio degli ottavi di Champions League, citi Yoda in un tweet: «Fare o non fare, non c’è provare». I fan siciliani più accaniti si ritroveranno stamattina alle 10 all’anteprima del film in 3D all’Uci cinema del Centro Sicilia di Catania, ma proiezioni e anteprime sono state organizzate in tutte le sale del circuito che già in prevendita ha venduto più di 65mila biglietti e il film sarà anche in altri multiplex e sale in tutta l’Isola.   Proprio in Sicilia, sull’Etna, sono state girate le spettacolari immagini di fiumi di lava ed esplosioni dell’eruzione del 2002 che fanno da sfondo alle scene finali del terzo episodio La vendetta dei Sith, uscito nel 2005, l’ultimo arrivato nei cinema. Siamo su un’astronave atterrata sul pianeta vulcanico Mustarf nella quale Anakin Skywalker, passato dal lato oscuro della forza, combatte contro Obi-Wan Kenobi. Questi taglia le gambe e un braccio ad Anakin che rischia di morire arso vivo dalla lava. Salvato dall’imperatore, gli viene applicata l’armatura e la maschera che lo trasformeranno nel cattivone Darth Vader.   Foti, 42 anni, che si diverte a impersonarlo, nella vita si occupa di costumi e scenografie. «Ero un bambino quando è uscito il primo film, ma molte passioni sono nate da lì. Il nostro è un gruppo di customing, cioè riproduciamo i costumi in modo perfetto, come si fa per il modellismo - spiega - ci sono dentro persone di tutte le fasce sociali e di tutte le età. Partecipiamo oltre che alle proiezioni anche a molti eventi di beneficenza, come partner dell’Unicef o della Croce rossa, tanto che il gruppo è ufficialmente riconosciuto dalla Lucas Film e dalla Disney e il nome è stato inserito in videogiochi e altri gadget».   Sabato e domenica parteciperà a un’iniziativa nazionale («mi piace, lo faccio anche per la passione che vedo nei bambini, la saga unisce padri e figli») che in Sicilia si svolgerà all’Uci di Messina. «Il successo? La semplicità della storia e il modo in cui entra nell’immaginario. Lucas punta sul contrasto tra bene e male del cristianesimo e ha preso ispirazioni da molte culture, dalla letteratura greca all’epica nordica. I personaggi sono una moderna mitologia: invece di Ercole c’è uno Jedi. Star Wars è un fenomeno: non è un film di fantascienza, ma un western spaziale. Una fiaba». Appassionato di cinema, fumetti e rock anni 70 in vinile, Salvo Di Paola è andato fino al Comic Con di San Diego per assaparore più da vicino la fascinazione della pop culture. «Star Wars - dice - racchiude tutti gli archetipi delle relazioni umane. Ha dentro la tragedia greca, il mondo egizio, i senatori romani e l’Impero, i nibelunghi, l’epica...   L’interazione tra i personaggi è intrinseca della cultura dell’uomo: se sostituiamo i cavalli alle astronavi e le lame alle spade laser, può essere ambientato ovunque». Il suo personaggio preferito è Han Solo: «Un mercenario che sa diventare un eroe, l’essere umano che trova la forza dentro di sé». «E’ la saga più blasonata ma anche una grande operazione di marketing», chiosa Antonio Mannino, direttore di Etna Comics, la rassegna di cultura popolare, fumetti, tv, arti visive, giochi e videogiochi, a Catania dal 2 al 5 giugno.   «Il successo credo dipenda più che dalla storia, dalla caratterizzazione dei personaggi, subito riconoscibili come Darth Vader che ricorda l’incubo dell’uomo nero dei bambini, dal richiamo un po’ mistico alla “forza”, la lotta tra bene e male. Certo JJ Abrams ha una responsabilità enorme, perché in questo momento, dai telefoni alle auto ai giocattoli, tutto sembra ruotare intorno a Star Wars».   Anche il Day Zero, briciole di Etna Comics, sabato e domenica alla Villa Belvedere di Acireale, ospita fumettisti, youtubers, e i “Midichlorians” di Acireale con i loro corsi di spada. Trentotto anni fa fu una rivoluzione: non un futuro ansiogeno e conturbante, ma un passato divertente come un’avventura, pieno di robot e pupazzi adatti a bimbi e Peter Pan, con una valanga di citazioni di film e fumetti (a partire da Flash Gordon) e tanta ironia. La lotta è tra Bene e Male, Repubblica e Impero, Democrazia e Dittatura, tutti temi non invecchiati. Subito, come in un western, la divisione tra buoni e cattivi. Ma non troppo netta: male e bene sono nello stesso uomo, la forza può avere un lato oscuro. La seconda trilogia si era incupita. La terza si apre ora ripescando i vecchi eroi e, chissà, magari il tono da fiaba del mitico incipit: tanto tempo fa in una galassia lontana lontana...

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa